Ecco come una scuola di pesce forma una palla per proteggersi dai predatori (Video)

[Social_share_button]

Un video di 2017 catturato dal fotografo David Palfrey rivela un incredibile metodo di difesa di una scuola di pesce. Forma una palla mentre si avvicina a uno squalo grigio della barriera corallina.

Molte specie di squali popola la barriera corallina di Ningaloo, al largo della costa occidentale dell'Australia. In un video pubblicato su 2017, fotografo e subacqueo David Palfrey ci offre lo spettacolo unico di uno di questi squali (possibilmente a squalo grigio reef o squalo di rame) tuffarsi in una scuola di pesci. Quest'ultimo, in risposta all'attacco, risponde in modo molto particolare, formando una "palla".

La tattica di palla esca

Anche se l'interazione tra lo squalo e la scuola di pesce sembra calma nel video, il predatore sta cercando cibo. In risposta all'attacco, il scuola di pesce sta stringendo per adottare una formazione chiamata "palla esca"(" Baitball ") in inglese. Questa strategia ha il vantaggio di facilitare la comunicazione tra gli individui del gruppo e permette di confondere il predatore.

Quando si migrano le sardine

Tale fenomeno è anche osservabile durante il corsa delle sardine che si svolge tra maggio e luglio in Sud Africa. A questo evento, miliardi di sardine di California raccogliere per intraprendere il lungo viaggio tra la Banca delle Aiguilles, vicino al berrettoe la città di Durbannell'est del paese.

Durante questo viaggio, le sardine sono esposte a squali, delfini, leoni marini e altri uccelli marinia cui forniscono una fonte prodigiosa di cibo. È allora che è possibile osservare l'emergere di questi palle esche, inteso a proteggere il gruppo e limitare il numero di vittime durante gli assalti. Nel campo della strategia militare, sembra che l'Uomo non abbia la prerogativa delle formazioni difensive.

Questo articolo è apparso per primo https://www.maxisciences.com/environnement/voici-comment-un-banc-de-poissons-forme-une-boule-pour-se-proteger-des-predateurs-video_art42816.html