Cinema: a Ouagadougou, 26e Fespaco posto sotto alta sicurezza - JeuneAfrique.com

[Social_share_button]

La menace terroriste vient un peu ternir le festival panafricain du cinéma de Ouagadougou (Fespaco), où le dispositif mis en place bloque professionnels et festivaliers sans parvenir à rassurer totalement.

Domenica scorsa, presso l'ingresso principale della sede del Festival Panafricano di Ouagadougou cinema, tre lunghe code erano sempre più impazienti sotto un sole cocente. I commercianti è venuto a prendersi cura di loro stand, turisti, semplici curiosi, giornalisti, soci e amministratori di accreditamento ... un centinaio di persone sono state raggruppate intorno in attesa di passare finalmente il recinto. Dopo oltre quaranta minuti di attesa, un piccolo gruppo di professionisti ha lasciato la scena mentre imprecava. A Mica, il film e il mercato audiovisivo che si svolge a margine di Fespacola stessa scena di attesa senza fine è stata osservata. Idem di fronte ad alcuni cinema prima delle proiezioni.

Sophie Garcia per Jeune Afrique


>>> LEGGI - Cinema: a Fespaco, un'apertura con fanfara ... e già di singhiozzo


Scavi, camera d'equilibrio sicura ...

Delegato Generale Fespaco Ardiouma Soma e il ministro della Cultura Abdul Karim Sango promesso che sarebbero state adottate tutte le misure in termini di sicurezza per il festival si svolge in condizioni ottimali. E in effetti, i militari e la polizia sono onnipresenti sui siti correlati all'evento.

Molti dispositivi sono stati creati per tre anni e l'inizio degli attacchi a OuagadougouAd esempio, al French Institute, che ospita le proiezioni, e al Verdoyant, il ristorante è diventato uno dei quartieri generali dei visitatori del festival, dove si può passare solo attraverso una camera di equilibrio sicura. Al giorno d'oggi, i portici di rilevamento scandiscono l'ingresso in ognuno dei siti importanti del festival. E le ricerche zelanti della polizia rallentano ancora la flebo dei frequentatori del festival.

Sophie Garcia per Jeune Afrique

Preoccupazioni latenti

La polizia e l'esercito non possono essere incolpati per la loro vigilanza in questo periodo travagliato. Ma lei non sembra rassicurare completamente. Alcuni partner, come il National Film Center (CNC), non hanno inviato una delegazione quest'anno, secondo le nostre fonti, per timore di un attacco. Altri, come i rappresentanti di Orange, sono controllati dalla loro scorta di sicurezza.

Un episodio può dare un'idea dell'ansia latente che incombe su questa edizione. Domenica, in tarda mattinata al Mica, un grande "boom" ha suonato fuori dalla struttura accogliendo professionisti del cinema e dell'audiovisivo. Molte persone sono corse a vedere cosa stava succedendo fuori. La persona che è stata intervistata per questo articolo ha interrotto bruscamente l'intervista ... Non è stato un attacco terroristico, ma un incidente vicino a due macchine.

L'eccitazione di alcuni partecipanti è palpabile, ma la festa è ancora al rendez-vous. Le prime sessioni erano spesso esaurite. E la qualità di alcune delle opere presentate, come ad esempio La misericordia della giungla, dal ruandese Joel Karekezi, o Cuci l'inverno sulla mia pelle, Il sudafricano Jahmil XT Qubeka, ha almeno dimenticato il tempo della proiezione dell'atmosfera speciale che incombe su questa edizione.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA