"Gli americani diventano socialisti? "

[Social_share_button]

La riforma fiscale di Donald Trump ha ampliato le disuguaglianze, che ha portato a riarmare l'arsenale ideologico della sinistra americana, afferma nella sua rubrica Stéphane Lauer, editorialista nel "Mondo".

Pubblicato oggi su 11h09 Tempo di Lettura 4 min.

Articolo degli abbonati

Alexandria Ocasio-Cortez, nuova figura della sinistra americana, a Washington, la 7 di febbraio.
Alexandria Ocasio-Cortez, nuova figura della sinistra americana, a Washington, la 7 di febbraio. JONATHAN ERNST / REUTERS

Cronaca. Non è chiaro se Donald Trump riuscirà a costruire il suo muro al confine con il Messico, se riuscirà a denuclearizzare la penisola coreana oa ridurre il deficit commerciale degli Stati Uniti. Ma dopo due anni di mandato, si può accreditare il lancio di un dibattito che potrebbe essere stato pensato iconoclasta negli Stati Uniti: se introdurre o meno una tassa sulla ricchezza?

Nelle ultime settimane, un "tocco francese" ha sequestrato i leader del Partito Democratico, che hanno intrapreso un vero e proprio concorso Lépine sui ricchi. Tutto è partito da AOC, l'acronimo per il nuovo volto della sinistra americana, Alexandria Ocasio-Cortez. L'ex cameriera di New York, appena eletto alla Camera dei Rappresentanti, si propone di tassare a 70% ricavi 16 000 americani più ricchi, coloro che guadagnano più di 10 milioni (8,2 milioni di €) all'anno .

Articolo riservato ai nostri abbonati Leggi anche Alexandria Ocasio-Cortez esita a lasciare i democratici

Elizabeth Warren, senatore del Massachusetts e candidato alle primarie democratiche per le elezioni presidenziali 2020, sarebbero tassati fino al patrimoni 2% superiori milioni 50 3% e quelli oltre 1 miliardi. In totale, le famiglie 75 000 sarebbero preoccupate. Per quanto riguarda Bernie Sanders, che ha appena iniziato la corsa per la Casa Bianca, immagina un'aliquota di 45% sull'eredità da milioni 3,5 e 77% su un miliardo.

Riforma fiscale ingiusta

Dall'altra parte dell'Atlantico, no «Giubbotti gialli»"gilet gialli", ma una consapevolezza che deve molto al signor Trump. Le disuguaglianze negli Stati Uniti non risalgono all'elezione del miliardario di New York. Ma invece di cercare di affrontare il problema, tendeva ad aggravarlo, riarmando l'arsenale ideologico della sinistra americana.

Articolo riservato ai nostri abbonati Leggi anche Primarie democratiche negli Stati Uniti: Bernie Sanders, o il riscatto del successo

Eletto all'idea di difendere il dimenticato della globalizzazione, il suo record fino ad ora si riduce a una riforma fiscale ingiusta adottata un anno fa, che ha beneficiato principalmente di grandi aziende e le più ricche. Il tasso marginale è stato ridotto di due punti, le tasse di morte sono state rimosse al di sotto di 11 milioni.

E il signor Trump è stato attento a non rimuovere il cosiddetto Ha portato interesseche consente ai gestori di fondi di investimento di pagare proporzionalmente meno tasse rispetto al loro segretario. In 2019, il più ricco 1% salverà miliardi di dollari di tasse 60 senza chiedere nulla. Qual è stata l'urgenza di tali misure in un paese in cui il 0,1% più ricco possiede tanto quanto il 90% meno ricco?

Questo articolo è apparso per primo https://www.lemonde.fr/idees/article/2019/02/25/les-americains-sont-ils-devenus-socialistes_5427933_3232.html