I deputati votano Brexit prima della marcia di 12

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Legenda di supporto Maggio: accordo sulla Brexit "a portata di mano" di 29 marzo

I deputati saranno in grado di decidere nuovamente sull'accordo Brexit prima di 12 marzo, ha affermato il primo ministro Theresa May.

Parlando durante il suo viaggio in Egitto per un summit della Lega araba UE, la signora May ha escluso un altro "voto significativo" questa settimana.

Ma ha detto che i colloqui "positivi" con l'UE erano "ancora in corso" e lasciare il Marcia 29 "era alla nostra portata".

Il leader dell'Unione Jeremy Corbyn ha accusato il primo ministro di "correre incautamente nell'orologio".

In un tweet ha detto che la misura era finalizzata a "costringere i parlamentari a scegliere tra un cattivo affare e un affare disastroso".

Il Partito laburista collaborerebbe con i membri della Camera dei Comuni per prevenire qualsiasi accordo, rompere lo stallo e rafforzare il sostegno per il nostro piano alternativo ".

Sull'aereo per Sharm el-Sheikh Per un summit tra leader europei e arabi, May ha detto che la sua squadra tornerà nella capitale belga martedì per ulteriori colloqui.

"Di conseguenza, questa settimana non faremo un voto significativo in Parlamento, ma faremo in modo che ciò accada da 12 marzo", ha aggiunto.

La signora May ha già incontrato il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, per i colloqui dopo l'arrivo in Egitto e incontrerà altri leader europei a margine del vertice.

Ha detto che i negoziati stanno proseguendo nel merito - la controversa politica volta a impedire il ritorno di un difficile confine con l'isola d'Irlanda - dopo che il Parlamento ha votato a favore della sua ricerca di "soluzioni alternative "In relazione a quanto descritto nel suo accordo.

Qual è la data del voto della 12 March sulla Brexit

È vero che giocare per tempo è una strategia politica potente ma cinica e che il partito laburista - e anche molti conservatori - è sconvolto dal fatto che Downing Street sembra essere così che i parlamentari non saranno convinti. con un voto formale entro due settimane.

Il Primo Ministro, che nominerà il giorno successivo del voto, potrebbe forse calmare gli spiriti di coloro che hanno dichiarato pubblicamente al governo che questa strategia è una follia. La marcia 12 è almeno per loro, prima del prossimo vertice UE.

Non è, come queste cose, l'ultimo e ultimo momento. Molte persone diranno che è spericolata, ma non una missione suicida totale.

Ma ciò non impedirà ai dirigenti delle multinazionali Yvette Cooper e Oliver Letwin di chiedere un voto la prossima settimana per il loro disegno di legge che costringa il governo a ritardare la Brexit. se non hanno raggiunto un accordo prima ... indovina quando? 13 marzo. Oh guarda: il giorno DOPO la nuova scadenza del numero 10.

Qui, la data di marzo 12 suggerisce che il governo ", come suggerito da una fonte," pianifica ogni eventualità ".

In altre parole, pensa che sia probabile. I deputati potrebbero effettivamente votare questa settimana per estendere il processo se non è stato raggiunto alcun accordo.

Leggi il blog di Laura

La signora May ha anche respinto una accusa - presentata la scorsa settimana dall'onorevole Anna Soubry, dimettendosi dal partito conservatore. Festa - ha avuto un "problema personale" con l'immigrazione.

"Ho sempre detto che l'immigrazione è stata positiva per il nostro Paese", ha detto il primo ministro, aggiungendo: "È importante accogliere le persone che arrivano nel paese nel corso degli anni, due persone che migrano nel Regno. Uniti per scopi di lavoro

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

La leggenda dei media Anna Soubry ha dichiarato a Kirsty Wark di Newsnight che era "preoccupata" per il fatto che il primo ministro avesse un problema di immigrazione. 19659025] E ha anche detto che voleva rimanere al numero 10 dopo la fine della prima fase di Brexit, mentre aveva promesso i suoi deputati non combattere nelle prossime elezioni.

"Non si tratta solo di offrire Brexit" e "c'è sempre un programma nazionale che voglio perseguire".

"Incredibile"

Yvette Cooper ha descritto l'ultimo ritardo come "totalmente ridicolo", tweeting : "Ogni volta che ci avviciniamo al bordo f. In che modo le aziende, i servizi pubblici e le famiglie dovrebbero pianificare in questo caos? "

Anche il leader del partito SNP Ian Blackford qualificato il ritardo "inaccettabile".

E l'amministratore delegato di Adam Marshall, Camera di commercio britannica, ha detto che è "incredibile" lasciare che il voto sia così vicino alla data di uscita prevista.

Quali sono i voti questa settimana?

Mercoledì, i deputati avranno un'altra opportunità di presentare una serie di emendamenti per mostrare quale direzione vogliono che la Brexit prenda.

In cima alla lista c'è l'emendamento Cooper-Letwin - ei ministri del gabinetto Greg Clark, Amber Rudd e David Gauke ha scritto nel Daily Mail che sarebbero obbligati a sostenerlo se il gruppo di ricerca europeo pro-Leave (ERG) - composto da deputati conservatori del backbench - impedisse che l'accordo di ritiro fosse concluso "nei prossimi giorni".

GRE avrebbe quindi "nessuno da incolpare per aver ritardato la Brexit", disse il trio

Il Segretario all'ambiente Michael Gove ha esortato i suoi colleghi di governo a non sostenere l'emendamento Cooper-Letwin, chiedendo una "unità" dietro al primo ministro.

La riproduzione di media non è supportata sul tuo dispositivo.

Leggenda dei contenuti multimediali Gove: "Farò tutto quanto è in mio potere per persuadere i miei colleghi a restare al governo".

È anche probabile che l'Unione laburista presenterà un emendamento mercoledì. proporre ai deputati il ​​proprio piano per la Brexit, che sostiene un'unione doganale permanente con l'UE e uno stretto rapporto con il suo mercato unico.

Sebbene possa essere rifiutato, il momento potrebbe comunque essere significativo. Lo scorso settembre la conferenza del partito ha costretto i leader a esplorare tutte le alternative al piano del Primo Ministro per la Brexit, compreso un voto pubblico, se non fosse stato in grado di forzare le elezioni generali.

Gli sforzi per garantire elezioni sono falliti. Pertanto, se il piano sindacale Brexit fosse respinto nella Camera dei Comuni, l'unica opzione rimanente sarebbe un nuovo referendum.

Il vice leader del movimento, Tom Watson, ha dichiarato al programma della BBC Andrew Marr che "ci stiamo dirigendo in quella direzione", ma "ci saranno più partite nei giorni a venire".

Watson ha detto che il management sta considerando anche un emendamento redatto da due backbenchers, Peter Kyle e Phil Wilson, da presentare.

Secondo l'emendamento, i deputati laburisti appoggerebbero l'accordo del Primo ministro sulla Brexit in cambio di un voto pubblico.

"Rassicurazione"

Il ministro degli Esteri irlandese Simon Coveney ha avvertito domenica che al suo governo non è stato chiesto di "scendere a compromessi su una questione così fondamentale come il processo di pace", per il quale la frontiera ha svolto un ruolo vitale.

Ha accusato il governo britannico di voler cambiare le spalle per "placare un gruppo di partito conservatore che insiste nel mantenere il primo ministro fuori dalla propria politica" e ha ribadito che l'UE non riaprirebbe l'accordo di ritiro.

Ma ha detto a Sky News che proverebbero a "rassicurare e chiarire il Parlamento britannico per consentirgli di ratificare questo accordo".

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha detto in occasione del vertice di domenica che "sarebbe bello" posticipare la "Brexit" se l'accordo non fosse stato raggiunto all'inizio di marzo.

Questo articolo è apparso per primo https://www.bbc.co.uk/news/uk-politics-47348610