Elezioni presidenziali in Nigeria: almeno 39 morto nella violenza elettorale, dice NGO - JeuneAfrique.com

[Social_share_button]

A poche ore dei risultati ufficiali delle elezioni presidenziali e parlamentari in Nigeria Situation Room - un gruppo di società civile che monitora le elezioni - ha annunciato che almeno 39 persone sono state uccise nella violenza correlata per ballottaggio

"La violenza legata alle elezioni ha ucciso almeno Xnumx nigeriani" dal sabato di 39 di febbraio, secondo Situation Room, una piattaforma di associazione indipendente che difende il buon governo. L'organizzazione, che aveva schierato più osservatori 23 8 nel paese Sondaggio di sabato, aveva riportato un bilancio 16 morto per l'unico giorno di votazione.

Questi sondaggi hanno riguardato le elezioni presidenziali - con i favoriti in uscita Muhammadu Buhari e l'avversario Atiku Abubakar - così come le elezioni dei deputati 360 e dei senatori 109.

"Guasti" dell'INEC

In totale, le persone 16 sono state uccise nello stato di Rivers, nel sud del paese, un focolaio regolare di violenza politica, secondo la società civile. Quattro morti sono stati segnalati nel vicino stato di Bayelsa e due nello stato del Delta. Le morti sono state segnalate anche in altri otto stati del paese. Clement Nwankwo, direttore del Centro per la difesa dei diritti politici e legali, membro di ONG della Situation Room, ha chiesto una "investigazione approfondita" sulla violenza. Quasi un quarto dei seggi elettorali 120 000 del paese non aveva abbastanza poliziotti, secondo il gruppo, che ha denunciato i "fallimenti" in termini di sicurezza.

Almeno sei stati hanno subito disturbi durante i sondaggi. Nel distretto di Okoto a Lagos, gli elettori sono stati intimiditi e le urne sono state distrutte, riferisce Clement Nwankwo.


>>> LEGGI: I nigeriani continuano ad andare alle urne nonostante violenza elettorale


Nello stato di Osun, anche nel sud-ovest, le schede elettorali e le urne sono state distrutte nell'ufficio locale della Commissione elettorale indipendente nazionale. Alcuni rapporti hanno menzionato funzionari di sicurezza "partigiani", dipendenti "compromessi" dell'INEC - la Commissione elettorale nazionale indipendente - e incidenti che coinvolgono l'esercito.

Camera di situazione nota che "l'INEC non ha gestito le elezioni in modo efficace e che sono state registrate carenze significative", aggiungendo che "l'elezione è un passo indietro rispetto alle elezioni generali di 2015 e devono essere presi provvedimenti per identificare ciò che è sbagliato e ciò che può essere corretto. " La polizia ha detto che le persone 128 sono state arrestate in tutto il paese per omicidio, acquisto di voti e furto di urne elettorali.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA