India: il Congresso e il PCN non riescono a fare amicizia, BJP riesce a calmare Shiv Sena | Notizie dall'India

[Social_share_button]

(Questo articolo è stato originariamente pubblicato da The Economic Times su 25 / 02 / 2019)

La mega alleanza cucita dal congresso e il partito del Congresso nazionalista ( NCP ) On dal Maharashtra sembra svanire dalla prospettiva delle elezioni generali mentre il BJP ha siglato un patto, anche tenue, con Shiv Sena, invertendo la situazione di qualche mese fa.

Il Congresso e il PCN avevano già lo Swabhimani Shetkari Sanghatana di Raju Shetti nel loro tempo, e si sarebbero anche tenuti colloqui su Bharipa Bahujan Mahasangh. da Prakash Ambedkar . Shetti è un capo contadino che gode dell'influenza nel Maharashtra occidentale. La voce di Ambedkar avrebbe consolidato i voti Dalit a favore dell'alleanza dell'opposizione.

Ambedkar ha fermamente respinto l'offerta di quattro posti proposti dal Congresso e dai PCN. Non ha praticamente nessuna possibilità di aderire all'alleanza, secondo le persone informate. Ha chiesto alle due parti di non presentare alcun candidato sui posti 18 da Lok Sabha dove ha già annunciato i candidati, hanno detto.

Anche Shetti progetta di lasciare l'alleanza dell'opposizione, ha detto la gente. Leader degli agricoltori Hatkanangle a Kolhapur, Shetti ha richiesto un minimo di tre posti per partecipare ai sondaggi di Lok Sabha, mentre il Congresso e il PCN sono pronti a separarsi da un singolo posto Hatkanangle, ha detto una persona . Tuttavia, Shetti è già deputato al seggio e non ha bisogno del supporto del Congresso NCP per essere eletto a Hatkanagle, ha aggiunto, aggiungendo che anche Shetti ha chiesto posti a Buldhana e Wardha.

Scioccato per non aver avuto successo, Shetti ha convocato una riunione del suo partito a febbraio 28 per decidere se è meglio lasciar perdere. Nello stato attuale delle cose, l'alleanza dell'opposizione conta solo il Congresso e il PCN si oppone alla combinazione BJP-Shiv Sena, ha dichiarato una persona citata in precedenza.

Questo articolo è apparso per primo (in inglese) su I TEMPI DELL'INDIA