Africa: elezioni presidenziali in Senegal: confusione generale al momento dei primi risultati

Il primo ministro ha nominato il presidente uscente Macky Sall vincitore, senza preoccuparsi di aspettare i risultati ufficiali.

E 'stata una giornata elettorale tranquilla che non vi era alcuna indicazione del completamento di rabbia e confusione. 24 Domenica Febbraio 6,7 milioni di elettori pazientemente in coda prima che i seggi elettorali 14 600 sparsi in tutto il Senegal di nominare il capo dello Stato per i prossimi cinque anni.

Leggi anche In Senegal, alta partecipazione per le elezioni presidenziali

Poco dopo la mezzanotte, il quartier generale della campagna del presidente in carica, candidato per la successione, Macky Sall, suo primo ministro Mohammed Dionne ha parlato davanti a centinaia di attivisti per nominare il vincitore, senza preoccuparsi di attendere i risultati funzionari.

"Dobbiamo congratularci con il presidente Macky Sall per la sua rielezione nel primo turnoesclamò di fronte a una folla festante. I nostri risultati compilati mostrano che il nostro candidato era in gran parte vittorioso in tredici delle quattordici regioni del paese (...). Possiamo aspettarci un minimo di 57%. "

Leggi anche Senegal: Macky Sall ha proclamato vincitore delle elezioni presidenziali dalla sua parte

La dichiarazione ha provocato incredulità sui social network e tra la popolazione che è stata sorpresa da un annuncio così frettoloso. I comitati di conteggio del censimento hanno effettivamente fino a martedì a mezzogiorno per pubblicare i risultati ufficiali a livello di dipartimento. Spetterà poi alla Commissione nazionale del censimento proclamarli a livello nazionale entro la mezzanotte di venerdì.

Un'ora prima di questo annuncio, i due candidati dell'opposizione preferiti, Ousmane Sonko e Idrissa Seck, hanno unito le forze per annunciare un "Secondo round inevitabile" in una conferenza stampa in cui quest'ultimo non era il benvenuto; due giornalisti - da RFI e Giovane Africa - doveva essere scortato fuori dalla stanza di fronte all'ostilità del pubblico.

Atmosfera nuvolosa

"I risultati già compilati ci permettono di dire che è annunciato un secondo round"ha detto l'ex primo ministro Idrissa Seck, che è in corsa per la terza volta nelle elezioni presidenziali. Per quanto riguarda Ousmane Sonko, il candidato "antisistema" di queste elezioni, ha sventolato la stampa nazionale e straniera. "Invito i giovani a protestare di fronte a qualsiasi media che si assume la responsabilità di dichiarare il vincitore di Macky Sall nel primo turno senza i risultati ufficiali"ha detto in un messaggio.

Questa atmosfera inquieta, il giorno dopo un voto pacifico, mette in dubbio il vero esito delle elezioni. Data l'ovvia sfida dell'opposizione e il termine legale per l'annuncio dei risultati, un possibile secondo round potrebbe tenersi a marzo 24.

Aggiungendo un po 'di più ad una situazione già tesa, il primo ministro Mahammed Boun Abdallah Dionne, dal canto suo, ha dichiarato alla fine del suo discorso che "Domani, il nostro candidato andrà al lavoro per mettere questo paese sulla strada dell'emergenza".

Leggi anche Elezioni senegalesi: educazione, giustizia economica ... programmi proiettati

Questa situazione rompe con la tradizione elettorale senegalese che i perdenti attendono i primi risultati provvisori della Commissione del censimento per annunciare la loro sconfitta e congratularsi con il vincitore.

Ma già 2012, il campo del presidente uscente Abdoulaye Wade ha annunciato, prima che i primi risultati provvisori hanno vinto le elezioni presidenziali al primo turno con un tasso di 53%. Che alla fine si è rivelato sbagliato. Wade candidato aveva ottenuto dopo conteggio ufficiale che 34,81% dei voti.

Cinque candidati in lizza

Secondo il primo ministro Mahammed Boun Abdallah Dionne, le squadre della campagna del presidente Macky Sall avrebbero basato i loro calcoli su "Risultati provvisori raccolti dai seggi elettorali e compilati con quelli della stampa".

Il primo ministro senegalese Mahammed Buon Abdallah Dionne annuncia la vittoria del presidente in carica Macky Sall a Dakar a febbraio 24.
Il primo ministro senegalese Mahammed Buon Abdallah Dionne annuncia la vittoria del presidente in carica Macky Sall a Dakar a febbraio 24. SEYLLOU / AFP

Macky Sall ha puntato molto su questo primo round sperando di evitare un secondo. Il presidente uscente teme che, con un nuovo voto a marzo, subirà il destino di tutti i presidenti uscenti e un'alleanza di opposizione sarà formata per derubarlo. Uno scenario che è familiare al paese poiché è quello che ha portato alle due alternative democratiche che il Senegal ha vissuto.

Cinque candidati sono in lizza per guidare i sedici milioni di abitanti. Contro l'operatore storico, ex ministro Madicke Niang e l'università Issa Sall vengono aggiunti al duo Ousmane Sonko e Idrissa Seck che non ha mai nascosto scommessa su un due-scheda elettorale. Questi due candidati sono i veri sfidanti del presidente in carica.

Prima della campagna, l'ex sindaco di Dakar Khalifa Sall, che era vestito come il primo pericoloso avversario politico per le elezioni presidenziali, è stato arrestato per "Truffa soldi pubblici" in 2017, scomparendo allo stesso tempo dalla scacchiera politica.

Come Partito Democratico Senegalese di Karim Wade, è diventato il primo partito di opposizione in Macky Sall la cui candidatura presidenziale è stata respinta dal Consiglio costituzionale gennaio 20 a causa del suo passato criminale.