Camerun: il caso delle retribuzioni non pagate dei calciatori non avrebbe mai oltrepassato i confini, afferma il presidente del Fecafoot Seidou Mbombo Njoya

[Social_share_button]

In un'intervista con il chiosco Giorno quotidiano Le a febbraio 26 2019, il presidente dell'organo di governo del calcio in Camerun torna sul caso di salari non pagati calciatori del Camerun. Un caso che ha provocato la reazione della FIFA.

Domanda: FECAFOOT ha appena raggruppato le parti in merito agli stipendi non pagati e ai bonus dei giocatori professionisti del campionato. Cosa possiamo ricordare?

Seidou Mbombo Njoya: È un peccato che ci arriviamo. Sfortunatamente, come hanno sottolineato alcuni partecipanti, questo caso non dovrebbe mai aver attraversato i confini. Deve rimanere un affare del Camerun. Ma il SYNAFOC (Syndicat National des Footballeurs Camerounais), attraverso la sua tutela, è stato in grado di sequestrare organismi internazionali. Come è successo, possiamo solo reagire e lo faremo molto rapidamente. Siamo un organismo ombrello, dobbiamo garantire il benessere dei giocatori di calcio. Coloro che vivono nel calcio in generale devono essere protetti.

Domanda: hai mai pensato a una soluzione a questo problema?

Seidou Mbombo Njoya: Abbiamo parlato di problemi futuri e, a questo proposito, ciò che traspare nei nostri programmi è l'adozione molto rapida del sistema di licenze messo in atto dal FIFA e CAF, che sarà gradualmente implementato nelle associazioni, nei paesi membri della FIFA. Crediamo davvero che l'adozione di questo sistema consentirà agli attori di rispettare gli impegni. I club che dichiarano di essere professionisti devono rispettare gli impegni presi nelle specifiche che hanno firmato con le federazioni, con il campionato che gestisce il campionato. Questo campionato è traballante, ma con la nostra determinazione, faremo tutto perché la prossima stagione organizziamo un campionato meglio organizzato, degno di questo nome.

Domanda: Esiste un conflitto di giurisdizione tra FECAFOOT e la Lega professionistica di calcio in merito alla nomina degli arbitri. La situazione ha causato la cancellazione della partita APEJES vs New Stars lo scorso fine settimana. Come reagisci a questo?

Seidou Mbombo Njoya: La più grande sfida che abbiamo oggi è quella di far rispettare il testo. La natura odia il vuoto. Le persone si sono sistemate e hanno fatto cattive abitudini. Devono essere fatti rispettare le disposizioni legali FIFA e CAF. Quello che è successo questo fine settimana è il non rispetto delle regole. Le linee guida della FIFA affermano che la Commissione Arbitrale Centrale siede a FECAFOOT. È lei che designa gli arbitri che devono arbitrare le partite della lega. Ma alcune persone non possono accettarlo e capirlo. Puoi contare su di me, capiranno presto. Con me, i testi sono fatti per essere rispettati; Guardo il grano.

Questo articolo è apparso per primo https://actucameroun.com/2019/02/26/cameroun-laffaire-des-salaires-impayes-des-footballeurs-naurait-jamais-due-traverser-les-frontieres-estime-le-president-de-la-fecafoot-seidou-mbombo-njoya/