Fespaco: il regista del Burkina Faso Apolline Traoré in corsa per il gold standard con "Desrances" - JeuneAfrique.com

[Social_share_button]

Apolline Traoré ha lanciato una nuova campagna per le donne con il suo film "Desrances", proiettato martedì al Panafrican Film and Television Festival di Ouagadougou (Fespaco).

Due anni dopo Confine chi lo ha fatto conoscere a livello internazionalegià selezionato FespacoIl giovane regista burkinabé mette in evidenza il coraggio e la saggezza delle donne alla follia umana, che si trova in un tragico romanzo durante l'ivoriano crisi post-elettorale 2010-11, 3 000 dove persone sono morte.

Haila, la vera eroina

L'eroe, Francesco Desrances, interpretato dall'attore haitiano Jimmy Jean-Louis (Toussaint Louverture, Heroes), cerca disperatamente la moglie e il figlio, che ha appena partorito, credendo di essere stati rapiti da una banda di teppisti, nella follia della guerra civile scoppiata ad Abidjan. Sopravvissuto di un massacro ad Haiti nella sua giovinezza, dove ha perso tutta la sua famiglia ed è emigrato in Costa d'Avorio, al fine di trovare le sue radici africane, Desrances rivisita le sue ferite.


>>> LEGGI - Apolline Traoré: "Il racket alle frontiere è sistematico in Africa Ovest »


Ma il vero protagonista del film è senza dubbio la figlia Haila, anni 12, interpretato da Naomi Nemlin ivoriano Jemima, che salverà la morte del padre e alla fine lo riportano alla ragione. E falla capire che è degna di essere il suo erede come il figlio perduto.

"Il film mette in luce una ragazza che ha molta forza, almeno quanto un ragazzo. Ci sono troppe barriere contro le donne nella società, le cose sono lente a progredire ", ha detto Jimmy Jean-Louis dopo la proiezione. "È l'uomo che ha sempre diretto e il risultato non è eccezionale. Il futuro è nelle mani delle donne! ".

In corsa per vincere lo Yennenga Gold Standard

"Desrances" è in corsa - tra i film 20, tra cui Rafiki, Keniota Wanuri Kahiu, e Fatwa, Il tunisino Mahmoud Ben Mahmoud - per vincere lo Yennenga Gold Standard e avere successo Beatitudine, dal senegalese Alain GomisAssegnato 2017 al festival, che si svolge ogni due anni. Il film, tuttavia, soffre di un intrigo che a volte è troppo ellittico e con pochi colpi di scena credibili. Il ricevimento pubblico è stato mixato alla Neerwaya Hall, uno dei siti storici di Fespaco.

In totale i film 165 16 africani in competizione per gli otto giorni del festival, il 23 2 feb-mar nelle diverse sezioni, cortometraggi, documentari, serie tv, animazione e cinema? Scuole di cinema africano .

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA