Kim e Trump si incontrano ad Hanoi, ma la strada è ancora lunga

[Social_share_button]

Kim Jong-un e Donald Trump si recano ad Hanoi per il loro secondo summit. - Notizie Yonhap / NEWSCOM / SIPA - Evan Vucci / AP / SIPA - John SAEKI / AFP
  • Kim Jong-un è arrivato martedì mattina in Vietnam, dove Donald Trump è atteso in serata.
  • Pochissimi dettagli sono stati filtrati fuori dal summit, tranne per il fatto che entrambi i leader pranzeranno insieme mercoledì sera.
  • L'incontro è irto di poste in gioco a causa della mancanza di progressi concreti dal precedente vertice di Singapore.

La lunga ferrovia e viaggi aerei di Kim Jong-un et Donald Trump per arrivare ad Hanoi non sono nulla vicino alla strada che devono viaggiare insieme. Il leader nordcoreano è arrivato martedì mattina a Vietnamdopo un viaggio di diversi giorni attraverso il Cinaper un secondo incontro con il presidente americanodifficile data la dichiarazione in gran parte simbolica del precedente vertice di Singapore.

Kim Jong-un è arrivato martedì mattina nella stazione di Dong Dang, un confine vietnamita con la Cina, dopo 4.000 chilometri a bordo del suo treno corazzato verde oliva con un bordo giallo, hanno riferito i giornalisti dell'AFP. Questo è il primo viaggio di un leader nordcoreano in Vietnam da quello di suo nonno Kim Il Song in 1964.

Gli scolari che sventolavano le bandiere della Corea del Nord stavano aspettando il numero uno del regime davanti all'ingresso della stazione, chiuso al pubblico e sorvegliato da dozzine di soldati e poliziotti pesantemente armati. Da Dong Dang, Kim Jong-un dovrebbe raggiungere Hanoi su strada, le cui autorità vietnamite hanno annunciato la chiusura al 14h locale (8h, ora francese).

Il presidente degli Stati Uniti, che prende una via più convenzionale volando ad Hanoi con Air Force One, dovrebbe atterrare nella capitale vietnamita martedì notte, ora locale. Donald Trump era ottimista, assicurandosi che lunedì su Twitter attendesse "un vertice molto produttivo".

La speranza di "misure concrete"

Pochissimi dettagli sono stati filtrati sulla vetta. I due leader ceneranno insieme mercoledì sera con alcuni dei loro consiglieri, la portavoce dell'Air Force One, Sarah Sanders, ha dichiarato alla stampa.

A giugno, a SingaporeKim Jong-un ha promesso di "lavorare verso la completa denuclearizzazione della penisola coreana". Ma da allora, la mancanza di progressi concreti ha reso molti osservatori scettici. E Stephen Biegun, inviato degli Stati Uniti per la Corea del Nord, ha recentemente riconosciuto che Pyongyang e Washington non avevano "concordato sul significato" della denuclearizzazione. Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha detto di sperare che lunedì il nuovo vertice porterebbe a "misure concrete".

Gli Stati Uniti hanno ripetutamente chiesto a Pyongyang di sbarazzarsi del proprio arsenale nucleare in modo completo, verificabile e irreversibile. Ma per la Corea del Nord, la denuclearizzazione ha un significato più ampio. Vuole la revoca delle sanzioni internazionali che lo soffocano e la fine di ciò che percepisce come le minacce americane, ossia la presenza militare nella Corea del Sud e nella regione in generale.

Trump "si concentrerà su un filo narrativo in base al quale ha ottenuto la pace"

Per Harry Kazianis, del Centro di esperti conservatori del Centro per l'Interesse Nazionale, entrambe le parti dovranno "almeno un passo avanti" perché "nulla sarebbe peggio per tutti se non uscisse dall'incontro con il tempo perso". Donald Trump "si concentrerà sicuramente su un filo narrativo in base al quale ha raggiunto la pace piuttosto che spingere Kim Jong-un alla denuclearizzazione", afferma Scott Seaman, analista presso Eurasia Group.

Per Kim Yong-hyun, dell'Università di Dongguk, lo scenario migliore sarebbe che i due leader concordassero su una tabella di marcia. Washington potrebbe promettere garanzie di sicurezza sotto forma di una dichiarazione ufficiale sulla fine della guerra di Corea (1950-53) che si è conclusa con un armistizio. La presidenza sudcoreana ha giudicato credibile tale scenario. "Penso che ci sia una possibilità reale", ha detto il portavoce Kim Eui-kyeom.

Il leader nordcoreano dovrebbe approfittare della sua permanenza in Vietnam per visitare le aree industriali nelle province di Quang Ninh e Bac Ninh, dove si trova una fabbrica del gigante sudcoreano Samsung. La Corea del Nord, che da alcuni anni ha intrapreso tranquillamente le riforme e dove il controllo statale si è moderato un po ', potrebbe essere interessata al modello economico vietnamita, un paese comunista in cui il governo mantiene il pieno controllo del potere. mentre beneficiando dell'economia di mercato.

Questo articolo è apparso per primo https://www.20minutes.fr/monde/2459903-20190226-coree-nord-kim-jong-donald-trump-retrouvent-hanoi-route-encore-longue