Ospitalità: anno decisivo per Mangalis - JeuneAfrique.com

[Social_share_button]

L'Hotel Noom a Conakry (Guinea). 19.10.2016. © Vincent Fournier / JA © Vincent Fournier / JA

L'offensiva di Mangali, una sussidiaria di Teyliom, deve essere realizzata entro dodici mesi. Finanziando la sua espansione con i propri fondi e puntando a tutte le gamme, sta tentando un azzardo azzardo.

Nel cuore dell'Altopiano, il quartiere degli affari della capitale economica ivoriana, a un centinaio di metri dall'Hotel Pullman a cinque stelle, di fronte alla laguna, il Noom Hotel Abidjan, costruito dal TGCC marocchino, dovrebbe aprirsi nell'ultimo trimestre. Ai primi di febbraio, il ministro ivoriano del Turismo, Siandou Fofana, ha visitato il cantiere della costruzione di camere in 179, iniziati nel 2015 al 70% e completato, secondo Mangalis.

Ora sei connesso al tuo account Jeune Afrique, ma non sei abbonato a Jeune Afrique Digital

Questo articolo è solo abbonati


Abbonati da 7,99 €per accedere a tutti gli oggetti in un numero illimitato

Sei già un abbonato?

Hai bisogno di aiuto

I tuoi abbonati benefici

  1. 1. Accesso illimitato a tutti gli articoli sul sito e all'applicazione Jeuneafrique.com (iOs e Android)
  2. 2. Ricevi un'anteprima, 24 ore prima della pubblicazione, di ogni numero e fuori serie Jeune Afrique sull'app Jeune Afrique The Magazine (iOS e Android)
  3. 3. Ricevi la newsletter di risparmio giornaliero per gli abbonati
  4. 4. Goditi 2 anni di archivi Young Africa in edizione digitale
  5. 5. Abbonamento senza impegno di durata con l'offerta mensile tacitamente rinnovabile*

*Servizio disponibile solo per le iscrizioni aperte.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA