Guarda Trump cercare di distrarti

[Social_share_button]

Uno di questi è il presidente che incontrerà il leader nordcoreano Kim Jong Un in Vietnam. Il secondo vertice tra questi due leader dà luogo a speculazioni su un importante passo diplomatico che potrebbe includere un accordo di pace con un piano concreto di denuclearizzazione verificabile.

L'altro Trump è quello che vedremo quando il suo ex riparatore, Michael Cohen, testimonierà pubblicamente Mercoledì davanti alla Commissione di Monitoraggio della Camera dei Rappresentanti sui reati che avrebbe commesso. In un'apparizione in tribunale a dicembre, Cohen ha detto: "Più e più volte, ho sentito che era mio dovere nascondere le sue azioni sporche piuttosto che ascoltare la mia voce interiore e il mio senso morale. "Cohen è stato condannato a tre anni di prigione, in parte per aver reso dichiarazioni false al Congresso, un fatto che i sostenitori del Gop del presidente possono invocare per affermare di essere un bugiardo di cui non si può avere fiducia nella testimonianza.

Questo momento di politica a schermo diviso solleva la questione se i maggiori progressi all'estero possano salvare un presidente dai suoi problemi politici a casa.

La capacità di Trump di negoziare un accordo di pace duraturo e verificabile - un accordo che molti presidenti hanno mancato - volto a porre ufficialmente fine alla Guerra di Corea, quasi 66 anni dopo la firma di un armistizio, oscurerebbe la intensificazione delle indagini condotte dalla sua amministrazione? Il presidente Trump può dissipare l'ultima distrazione, non attorno a un tweet provocatorio, ma a quello basato su un reale progresso nella politica estera?

Torna a Nixon

Come per molti aspetti della Presidenza di Trump, questi problemi ci riportano naturalmente al presidente Richard Nixon. Quando Nixon si è trovato in difficoltà a partire dall'autunno 1972 (Texan Democrat Wright Patman ha aperto le prime audizioni in ottobre, anche se non ha trovato molto sostegno), la speranza nella cerchia ristretta del presidente era che il suo il successo all'estero sarebbe sufficiente per portarlo a termine con un secondo mandato.

Le storiche conquiste diplomatiche di Nixon in 1972, tra cui l'apertura delle relazioni con la Cina e la negoziazione del trattato SALT I con l'Unione Sovietica, sono state ampiamente considerate come storie di successo della politica estera degli Stati Uniti.

Gli oltraggiosi sforzi di Trump per indebolire i suoi investigatori

Nixon, che era stato un falco della Guerra Fredda per gran parte della sua carriera, scioccò il paese avviando un processo che scioglieva le tensioni tra le superpotenze. Questa era una buona notizia per la maggior parte delle persone nel bel mezzo della guerra disastrosa del Vietnam e decenni di paure sulla possibilità di una guerra nucleare.

La diplomazia è stata vista come un fattore importante nella vittoria di Nixon nella travolgente rielezione contro il senatore George McGovern. Il presidente, che aveva iniziato il suo secondo mandato con un tasso di approvazione di 68% Continuò ad essere ascoltato in 1973 dal modo in cui il suo governo gestì la guerra di Komour in Medio Oriente e negoziato gli Accordi di pace di Parigi, che pose fine al ruolo degli Stati Uniti nella guerra civile in Medio Oriente. Vietnam.

Anche se la destra ha criticato la sua politica di allentamento per essere troppo morbida sul comunismo e la sinistra non ha mai creduto a causa della sua campagna di bombardamenti segreti in Cambogia e degli spietati bombardamenti natalizi nel Vietnam del Nord, la politica estera era considerata una delle più importanti a Nixon. beni mentre si stavano scaldando più indagini sulla sua amministrazione.

Il fallout

Ma la politica estera non è sufficiente per salvare Nixon dal fallimento politico di Watergate. Nonostante tutto quello che stava accadendo all'estero, il Congresso, il giudice John Sirica, il procuratore speciale Leon Jaworski e tenaci giornalisti investigativi come Bob Woodward e Carl Bernstein, non smisero di lavorare diligentemente per raccogliere prove di corruzione del governo. Gli investigatori hanno rifiutato di essere distratti quando hanno scoperto nuove prove del ruolo svolto dall'amministrazione nel crollo del quartier generale nazionale democratico in giugno 1972, l'abuso di potere del presidente da parte del presidente e, alla fine conto dei suoi sforzi per ostacolare la giustizia. Le note di approvazione del presidente stavano erodendo regolarmente.

A quel tempo, il Congresso era una parte molto più ampia delle indagini e questo era essenziale per lo scandalo che si stava svolgendo. Attraverso le audizioni televisive e le loro indagini, il Comitato del Watergate del senatore Sam Ervin e il Comitato giudiziario di Peter Rodino hanno potuto garantire che l'indagine rimanesse credibile per il pubblico.

Sotto la loro saggia guida, i comitati del Congresso hanno ascoltato la testimonianza di una storia complicata e hanno mostrato chiaramente perché le rivelazioni individuali hanno dato origine a qualcosa di più grande. I due uomini gradualmente costruirono il sostegno bipartisan per l'impeachment anche se i repubblicani insistettero per rimanere con il presidente. Hanno anche assicurato che le prove fossero effettivamente raccolte prima di procedere con la rimozione.

Né il fatto che il suo successo all'estero fosse sembrato inferiore quando OPEC ha frenato le esportazioni di petrolio in 1973, ha permesso agli americani di far fronte a una crisi energetica caratterizzata da lunghe linee di gas.

Le lezioni della saga di Nixon sono chiare. Un passo avanti nella politica estera non è sufficiente per rompere un importante scandalo presidenziale. Sebbene il presidente Nixon sia ancora considerato dagli storici uno dei presidenti più influenti in politica estera, è anche lui che ha dovuto rassegnare le dimissioni nel bel mezzo del suo secondo mandato. Lo schermo condiviso non lo ha salvato.

La questione oggi non è tanto se l'evoluzione della politica estera oscurerà la controversia nazionale, ma come le varie componenti dell'indagine scaricheranno le loro responsabilità per determinare quali infrazioni potrebbero essere state si verificano e per determinare le possibili misure da adottare.

I problemi che abbiamo su questo fronte - i contributi scattershot del Congresso fino ad ora, la volontà dei Repubblicani di soffocare una solida indagine, la capacità di partigianeria nell'elettorato di proteggere la posizione di Trump negli stati rossi, I limiti di Mueller possono mettere nel suo rapporto e il potenziale segreto delle sue scoperte, così come i media partigiani frammentati e partizionati - questi sono molto più propensi a proteggere il presidente se emergono conclusioni impenetrabili di qualsiasi cosa accada in Vietnam .

Questo articolo è apparso per primo https://www.cnn.com/2019/02/26/opinions/watch-trump-try-to-pull-off-the-ultimate-distraction-zelizer/index.html