Camerun - Pierre Kwemo, sindaco di Bafang: "Vogliamo la democrazia nel nostro paese; un getto di gas lacrimogeno non può farti spaventare "

[Social_share_button]

Il consigliere ha quindi espresso 24 di febbraio 2019, dopo il divieto dell'incontro che doveva tenere invece delle celebrazioni di Bafang.

Le tensioni politiche persistono in Camerun. 24 Febbraio 2019, il sindaco del comune di Bafang, aveva programmato un incontro importante al posto dei festival di questa città, capoluogo del dipartimento di Haut-Nkam, regione dell'Occidente. L'obiettivo per Pierre Kwemo, era in comunione con i suoi attivisti dopo aver trascorso un mese in detenzione nel carcere centrale di Yaoundé-Kondengui, in un caso di disputa sulla terra.

Ma mentre la popolazione era già presente in massa al posto di Bafang, in attesa dell'arrivo del loro campione, una squadra mista di poliziotti e gendarmi arrivò sulla scena. La polizia ha caricato la folla di gas lacrimogeni. Il motivo, la dimostrazione era stata bandita dal sous-préfet di Bafang, Augustin Mbang Ndongo.

Sparsi, parte della folla si trova nella casa di Pierre Kwemo, situata in un posto chiamato Carrefour du Renouveau. Questo è dove il leader delUnione dei movimenti socialisti (UMS) affronterà i suoi attivisti: "Vogliamo la democrazia nel nostro paese; un getto di gas lacrimogeno non può farti avere paura. Sei venuto ad accogliere il sindaco nella sua residenza, abbiamo vietato l'incontro invece delle feste, ma sei venuto a casa mia. Quindi ti ringrazio e ti prometto che continueremo a sviluppare la nostra città " ha detto.

Questo articolo è apparso per primo https://actucameroun.com/2019/02/26/cameroun-pierre-kwemo-maire-de-bafang-nous-voulons-la-democratie-dans-notre-pays-un-jet-de-bombes-lacrymogenes-ne-doit-pas-vous-amener-a-avoir-peur/