"Amore contro l'odio": Donald Trump incontra Spike Lee

[Social_share_button]

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha risposto questo lunedì 25 di febbraio al regista Spike Lee che aveva chiamato il giorno prima, ricevendo Oscar per la migliore sceneggiatura adattatafare "la scelta dell'amore contro l'odio" nelle elezioni presidenziali di 2020.

"Sarebbe bello se Spike Lee in grado di leggere i suoi appunti o, meglio ancora, non c'è bisogno di usare le note a tutti, quando tratta razzisti vostro Presidente, che ha fatto di più per gli afro-americani [...] che quasi nessuno qualsiasi presidente! "rispose Donald Trump in uno dei suoi soliti tweet mattutini.

"Siamo dalla parte giusta della storia"

A lungo ignorato da Hollywood, Spike Lee è stato premiato domenica sera per "BlacKkKlansman"che racconta la storia di un poliziotto nero che si è infiltrato in una cella Ku Klux Klan alla fine degli anni 1970.

regista americano, felicissimo alla notizia del suo premio, ha parlato durante il suo intervento 400e l'anniversario dell'arrivo del primo contingente di schiavi neri negli Stati Uniti, 1619, il "genocidio" degli indiani America, così come le prossime elezioni presidenziali.

"Mobilitiamoci, siamo dalla parte giusta della storia", ha esortato l'uomo che ha ripetutamente dimostrato la sua ostilità a Donald Trump:

"Fai la scelta dell'amore contro l'odio. Facciamo la scelta giusta! "

Oscar della diversità

La 91e Oscar La domenica ha celebrato la diversità, ricompensando artisti di diverse minoranze nella società americana.

"Libro verde", "Roma" ... Guarda gli 2019 Oscar

"Libro Verde", la vera storia di un pianista nero in tour nel sud segregazionista degli Stati Uniti, in particolare ha vinto l'Oscar per il miglior film, mentre il miglior film straniero è tornato a "Roma" dal messicano Alfonso Cuaron, che ha anche vinto il premio come miglior regista e fotografo.

"Questo premio appartiene al Messico. È un film messicano ad ogni livello ", ha detto.

"Parliamo molto della diversità. I progressi sono stati fatti, ma i latinoamericani negli Stati Uniti, i messicani americani [Chicanos] sono davvero, molto, molto poco rappresentati. "

Poco prima di lui, l'attore spagnolo Javier Bardem ha scagliato contro il muro che il presidente Donald Trump vuole erigere lungo il confine con il Messico:

"Non ci sono confini o muri che possano trattenere i talenti".

Gli Obs con AFP

Questo articolo è apparso per primo https://www.nouvelobs.com/monde/l-amerique-selon-trump/20190225.OBS0777/l-amour-contre-la-haine-donald-trump-repond-a-spike-lee.html