RDC: Felix Tshisekedi promette il rilascio di "tutti i prigionieri politici" - JeuneAfrique.com

[Social_share_button]

Le président de la RDC a annoncé, en marge d’une visite d’État en Namibie, que « tous les prisonniers politiques seront libérés » dans les prochains jours.

"Il potere di Kabila ha avuto la sua giornata. Adesso è mio e ho il mio metodo. È con queste parole che Felix Tshisekedi ha iniziato una revisione dei suoi primi trenta giorni a capo della RDC. Giunto a Windhoek martedì per una visita di Stato di due giorni, ha approfittato di una conferenza stampa congiunta con la sua controparte namibiana, Hage Geingob, impegnarsi in una richiesta pro domo e fare diversi annunci.

Rilascio di prigionieri e riforma dell'ANR

Rispetto dei diritti umani, autorizzazione delle dimostrazioni, accesso dell'opposizione ai media pubblici ... Felix Tshisekedi voleva fare la differenza con l'ex presidente. "Il mio metodo sta già producendo i suoi effetti", ha detto. "Da quando sono stato eletto, ho iniziato a reprimere le forze dell'ordine che violano i diritti dei cittadini. Al livello televisivo nazionale, viene data la parola all'opposizione. Le attività di Martin Fayulu passano senza censura e [lui] continua a tenere manifestazioni liberamente ", ha detto.

Ha anche preso una serie di impegni, tra cui la questione molto delicata dei prigionieri politici. "Nei prossimi giorni, tutti i prigionieri politici saranno rilasciati", ha detto, aggiungendo che il calendario sarà determinato "secondo il loro caso, perché ci sono quelli che beneficeranno immediatamente del perdono presidenziale, e altri [i cui] procedure possono essere revocati ". Ma indipendentemente dal ritardo, "Quello che è certo è che tutti i prigionieri saranno rilasciati nei prossimi giorni", ha martellato il presidente congolese.

Ho ordinato la chiusura di tutte le celle dell'ANR e non possiamo più trattenere le persone solo per la loro opinione politica

Felix Tshisekedi ha anche annunciato di aver dato istruzioni ferme sulla tanto temuta Agenzia di intelligence nazionale (NRA), che ha definito "la polizia politica di tutti i poteri dall'indipendenza". "Daremo all'ANR un'altra faccia, più umana. Ho già dato ordini per la chiusura di tutte le celle dell'ANR e non possiamo più detenere la gente solo per la sua opinione politica ", ha detto, facendo eco alla una delle sue promesse elettorali.

Mentre ci sono stati le denunce di corruzione riguardanti le elezioni indirette di governatori e senatori previste per la fine di marzoFelix Tshisekedi ha denunciato un fenomeno che "ha rovinato il nostro paese", chiedendo alla classe politica di "pensare" a un futuro cambiamento in questo sistema di voto.

Sulla parte inferiore del suo commercio con Hage Geingob Félix Tshisekedi ha detto la sua missione principale di Windhoek è stato quello di "cercare il sostegno dei nostri fratelli SADC per sradicare i gruppi armati per diversi anni, si diffuse il terrore nel mio paese ".

La coalizione di Katumbi cambia strategia

Queste dichiarazioni del presidente congolese sono intervenute mentre, quasi contemporaneamente, "Insieme per il cambiamento", la coalizione di l'avversario Moïse Katumbi, ha tenuto una conferenza stampa a Kinshasa. Ribadendo la sua appartenenza alla alleanza di opposizione - ha dichiarato il supporto per la candidatura di Martin Fayulu, che continua a respingere i risultati delle presidenziali - "trova" Felix Tshisekedi "è stato proclamato presidente della RDC dalla CENI, convalidato e investito dalla Corte costituzionale ". Pur sottolineando che queste elezioni sono state "macchiate di molte irregolarità", la coalizione si rivolge direttamente, nella sua dichiarazione, al "Presidente Tshisekedi" per ingiungerla a prendere una serie di misure.

L'obiettivo per il quale Lamuka è stato creato non è più in agenda, ha dichiarato Delly Sesanga, segretario generale di Together for Change

Insieme per Cambiare "si aspetta Presidente Tshisekedi segnali forti, tra cui il rilascio dei restanti prigionieri politici, tra cui Franck Diongo, Firmin Yangambi e Ndongala", si legge nel testo, rilasciato poche ore prima che le dichiarazioni di Félix Tshisekedi a Windhoek . La coalizione ha anche chiesto al presidente congolese di "incoraggiare il ritorno degli esiliati politici e costretti all'esilio", tra cui Moïse Katumbi, Jean-Pierre Bemba e Mbusa Nyamwisi.

Gli oppositori mettono anche in guardia contro "qualsiasi iniziativa che possa sostenere le inclinazioni della revisione costituzionale per la continuazione della dittatura nel nostro paese".

Prima forza politica dell'opposizione con i suoi deputati 66 e i deputati 97, Ensemble si sta muovendo verso un'uscita dalla coalizione Lamuka, formata attorno all'avversario Martin Fayulu. "L'obiettivo per il quale Lamuka è stato creato non è più all'ordine del giorno", ha dichiarato alla conferenza stampa Delly Sesanga, segretario generale della piattaforma. mentre Martin Fayulu sta conducendo una campagna per la "verità dei sondaggi"Anche il vicepresidente Pierre Lumbi è stato chiaro: "Questa dinamica ha raggiunto i suoi limiti. (...) C'è una situazione che non si muoverà. Nella lotta per la verità delle urne succederà quella per il ripristino dello stato di diritto e il consolidamento della democrazia ", ha detto.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA