Telecomunicazioni: Huawei firma un accordo per creare una piattaforma cloud in Egitto - JeuneAfrique.com

[Social_share_button]

Le telecomunicazioni gigante cinese Huawei ha siglato un accordo con Telecom Egypt per costruire la sua prima piattaforma di dati per la "nuvola" del continente, ha detto che il Ministero egiziano delle telecomunicazioni a margine dello spettacolo Mobile di Barcellona.

L'azienda pubblica Telecom Egypt e Huawei hanno firmato un protocollo d'intesa "con l'obiettivo di stabilire una partnership strategica tra le due società nel campo del cloud", ha detto Lunedi il Ministero delle Telecomunicazioni egiziana ha detto in una dichiarazione a margine Mobile World Congress (MWC) Barcellona.

"Con questo accordo, Huawei creerà tramite il proprio data center Telecom Egitto la propria piattaforma per i servizi di cloud computing, una prima in Africa e in Medio Oriente", ha affermato il ministro Amr Talaat. L'accordo "fornirà servizi cloud al pubblico in Egitto e nella regione circostante", ha detto Telecom Egypt.

Quest'ultimo si applicherà solo ai "servizi alle persone fisiche e alle piccole e medie imprese", esclusi i "servizi governativi", ha affermato il ministero egiziano.

Contattati da AFP, il Ministero e Telecom Egitto non hanno fornito ulteriori dettagli sulla forma esatta di questo progetto, la sua data di completamento o il numero di posti di lavoro che potrebbero essere creati.


>>> LEGGI - Xu Xujing (Huawei Marocco): "Vogliamo aiutare i paesi africani a ridurre divario digitale »


27% delle vendite proviene dall'EMEA in 2017

Huawei non nasconde le sue ambizioni in Africa, sia nel telefono cellulare, ma anche nel campo della videosorveglianza. In un continente in cui le leggi sulla protezione dei dati personali sono meno severe rispetto all'Europa, l'azienda desidera sviluppare sistemi che combinano la videosorveglianza e l'analisi dei dati su larga scala.

La regione EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) ha rappresentato il 27% delle entrate complessive di Huawei in 2017.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA