Amy Hennig, ex dipendente di Naught Dog, pensa che creare un gioco da solista sia difficile oggi

[Social_share_button]

Nathan Drake, eroe di Uncharted

Oggigiorno esisterebbe un gioco solo per solista per Amy Hennig.

I giochi multipli sono onnipresenti nell'industria dei videogiochi. Tutti i titoli offrono un'esperienza online con un sistema di gioco, a discapito dell'esperienza solitaria. Anche le grandi licenze su base solitaria lo fanno: Fallout 76 è la prova migliore. Per Amy Henning, ex dipendente di Naught Dog all'origine di Uncharted, fare a meno del multi diventa molto complicato oggi. Fu in un'intervista per VentureBeat che la donna si spiegò a riguardo. Basti dire che le parole di quest'ultimo sono particolarmente rilevanti per la sua posizione nel settore.

Scommettere su partite in solitaria è complicato oggi

È per VentureBeat che Amy Henning è tornata oggi nel mondo complicato del gioco da solista nel settore dei videogiochi.

Non penso che il gioco in solitario sia morto. Guarda i giochi attuali. È diventato molto complicato crearli [...] Come ho già spiegato, non penso che un gioco come Uncharted, anche se è importante per la serie, è praticabile oggi. L'idea di un'esperienza solitaria di otto ore, senza aggiunte aggiuntive, senza online, che ha l'unica rigiocabilità di sbloccare trucchi e cose del genere ... non funzionerebbe più.

Con la grande presenza di Internet nei nostri quotidiani, diventa davvero difficile scommettere solo sull'assolo. Basta dare un'occhiata al successo del momento, tutti collegati: Apex Legends, Fortnite ... Fortunatamente, alcuni studios stanno provando l'assolo con un enorme successo come Capcom e il suo Resident Evil 2. Lo stesso sviluppatore continuerà a impegnarsi a fondo online con Monster Hunter World. La soluzione migliore non sarebbe destreggiarsi tra l'assolo e il multi?

Questo articolo è apparso per primo https://www.begeek.fr/amy-hennig-ancienne-employee-de-naught-dog-pense-que-creer-un-jeu-solo-est-difficile-aujourdhui-308617