FIFA - Arbitri tangenti e sanzioni

[Social_share_button]

ZURIGO (Reuters) - Arbitro Oden Mbaga Charles è stato bandito per la vita e franchi svizzeri (INED 200,000 libbre 150,962) per accettare gli scarti a manipolare le partite di calcio, organo di governo del calcio FIFA ha detto il Martedì.

La FIFA ha dichiarato in una dichiarazione che il suo comitato etico si è reso colpevole di aver accettato tangenti in violazione del codice etico FIFA a seguito di un'inchiesta aperta a luglio.

RELATIVA
2019 FIFA Women's World Cup: False Eyes in the World - Ultime notizie sportive in Nigeria
In una successiva e-mail a Reuters, la FIFA ha detto che Mbaga "ha accettato bustarelle per manipolare diverse partite nazionali e internazionali tra 2009 e 2012".

Mbaga ha detto a Reuters a Dar es Salaam che è stato interrogato dalla FIFA in 2010 ma non ha sentito nulla sulle partite truccate.

"Questa è una notizia scioccante per me. Non so nulla di essere vietato a partecipare ad attività per la vita. Non lo so davvero, "disse.

"So che la FIFA stava facendo un'indagine e l'ultima volta che sono venuti per intervistarmi sul problema era in 2010. Ho detto loro che non so nulla delle partite truccate e non ho mai sentito niente da loro.

"Per ora, non posso dire nulla, non ho informazioni chiare."

La FIFA ha descritto Mbaga come "arbitro affiliato alla Federazione calcistica tanzaniana".

Il divieto lo esclude da "tutte le attività legate al calcio" (amministrative, sportive o qualsiasi altro) a livello nazionale e internazionale ", ha aggiunto la dichiarazione.

Il match-fixing è spesso organizzato da associazioni di scommesse che corrompono giocatori o funzionari per manipolare le partite e fare soldi giocando correttamente sul risultato.

Il mese scorso, l'arbitro internazionale Ibrahim Chaibou del Niger è stato messo al bando a vita e multato il franco svizzero 200,000 dopo essere stato riconosciuto colpevole di aver ricevuto tangenti. La FIFA non ha fornito ulteriori dettagli su questo caso.

(Segnalazione di Nuzulack Dausen a Dar es Salaam di Brian Homewood a Zurigo, Montaggio di Toby Davis e Christian Radnedge)