Porte asciutte: la nuova risorsa dei logisti - JeuneAfrique.com

[Social_share_button]

CMA CGM Porto asciutto di Dakar © CMA CGM

Al fine di ottimizzare il traffico intorno ai terminal e ridurre il costo delle merci, gli operatori installano sempre più piattaforme nei corridoi.

Porto asciutto? Una parola magica sul continente, il cui sviluppo economico è ostacolato da carenze logistiche. "Il porto a secco, nella misura in cui facilita il commercio, è al centro delle nostre preoccupazioni", riassume Patrick Lawson, concessionario di Bolloré Ports, che gestisce una trentina circa, di diverse dimensioni e vocazioni, in Africa.


>>> À LEGGI - Logistica della terra: CMA CGM sfida Bolloré in Africa


Ma una porta asciutta, per definizione una piattaforma situata al di fuori dell'area portuale, non è solo un luogo per depositare contenitori vuoti indesiderati sui terminali della porta. "Si tratta di uno strumento strategico nella catena di fornitura, non solo nel continente", dice Eric Bonnemaison, un ex generale che dirige Ultimo anno logistica interna CMA CGM Africa.

Ora sei connesso al tuo account Jeune Afrique, ma non sei abbonato a Jeune Afrique Digital

Questo articolo è solo abbonati


Abbonati da 7,99 €per accedere a tutti gli oggetti in un numero illimitato

Sei già un abbonato?

Hai bisogno di aiuto

I tuoi abbonati benefici

  1. 1. Accesso illimitato a tutti gli articoli sul sito e all'applicazione Jeuneafrique.com (iOs e Android)
  2. 2. Ricevi un'anteprima, 24 ore prima della pubblicazione, di ogni numero e fuori serie Jeune Afrique sull'app Jeune Afrique The Magazine (iOS e Android)
  3. 3. Ricevi la newsletter di risparmio giornaliero per gli abbonati
  4. 4. Goditi 2 anni di archivi Young Africa in edizione digitale
  5. 5. Abbonamento senza impegno di durata con l'offerta mensile tacitamente rinnovabile*

*Servizio disponibile solo per le iscrizioni aperte.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA