La NASA spenderà 42 milioni di dollari per capire meglio il tempo nello spazio - BGR

[Social_share_button]

Ottenere previsioni meteo quotidiane nella tua zona è qualcosa che molte persone fanno ogni mattina, ma i sistemi meteorologici terrestri non sono l'unico tipo di tempo che può avere un impatto drammatico sulla tua vita. Il tempo spaziale - cioè il flusso e riflusso di particelle attorno alla Terra, in gran parte dal nostro Sole - giocherà probabilmente un ruolo importante nel futuro dell'umanità, e la sua comprensione potrebbe essere vitale per la nostra sopravvivenza come specie.

questo fine Finanziamento approvato dalla NASA un progetto intitolato Atmospheric Wave Experiment, o AWE. La missione, valutata 42 milioni di dollari, sarà lanciata nell'estate 2022 e studierà caratteristiche specifiche dell'atmosfera terrestre per comprendere meglio l'impatto del tempo spaziale sul nostro pianeta.

In un nuovo post sul blog, la NASA spiega che la missione AWE coinvolgerà l'attaccamento di strumenti al di fuori della Stazione Spaziale Internazionale. Una volta installato, sarà in grado di studiare un fenomeno chiamato airglow, che la NASA descrive come "strisce colorate di luce nell'atmosfera della Terra".

AWE è solo una delle numerose missioni Heliophysics Explorers della NASA tra cui scegliere.

"Il programma Explorers sta cercando idee innovative per piccole missioni a basso costo che possano aiutare a svelare i misteri dell'universo ed esplorare il posto che occupiamo", ha detto in un comunicato Paul Hertz della NASA. dichiarazione. "Questa missione soddisfa assolutamente questo standard con una missione creativa ed economica per risolvere i misteri dell'atmosfera superiore della Terra."

La comprensione del tempo atmosferico è importante per una serie di motivi, non ultimo perché può avere un impatto significativo sull'efficacia della tecnologia satellitare come il GPS, utilizzata quotidianamente da una percentuale significativa della popolazione.

Fonte immagine: Reid Wiseman / NASA

Questo articolo è apparso per primo (in inglese) su BGR