Ecco come aprire un'attività evitando le trappole

[Social_share_button]



pubblicato


Aggiornato il

Ecco come aprire un'attività evitando le trappole
Filmati Stock GM / Getty Images

Prima di cercare un locale, ecco le diverse opzioni per studiare per aprire la tua attività.

Hai deciso di realizzare finalmente il tuo sogno e di aprire un negozio di decorazioni. Sono disponibili tre opzioni: affittare uno spazio vuoto, assumere l'affitto di un commerciante che va via o acquista l'attività di un negozio di decorazione. Panoramica delle trappole da evitare.

Prima opzione: si affitta una stanza non occupata. È necessario firmare un contratto di locazione commerciale con il proprietario dei locali. "Un passo per prepararsi bene perché tutto è negoziato: l'ammontare dell'affitto, le spese, la durata del contratto di locazione, ecc. "Dice Alain Pechmagre, dottore commercialista e revisore dei conti. Se la durata di un contratto di affitto è di almeno nove anni (con la possibilità per l'inquilino di annullarla ogni tre anni), esistono anche contratti di locazione precari per un periodo di due anni. "Fai attenzione, non aprono il diritto al rinnovo automatico o al pagamento di un'indennità di sfratto". Il contratto di locazione deve specificare nero su bianco che l'inquilino o il proprietario pagherà il imposta patrimoniale, spese di manutenzione e riparazione. E può includere una "no door", una sorta di biglietto d'ingresso nei locali il cui importo è fissato dal proprietario.

>> Leggi anche - Creazione di business: tre aiutanti che puoi richiedere

Seconda opzione: per esempio, entri in una stanza precedentemente occupata da un parrucchiere. Gli paghi un "diritto alla locazione" il cui prezzo deve essere discusso con lui e puoi tornare alle stesse condizioni (affitto invariato) e per il restante termine del contratto. Anche in questo caso, il proprietario potrebbe chiederti di pagare una "no door" (quindi potresti dover pagare entrambi). Di nuovo, negozia! "Chiedi informazioni sugli importi richiesti da altri donatori nel quartiere e suona la competizione", insiste Alain Pechmagre.

Ultima possibilità: decidi di acquistare un negozio di decorazione. In questo caso, diventi il ​​proprietario, non delle mura, ma di quella che viene chiamata la "buona volontà", cioè di tutto ciò che è correlato all'attività del negozio (le sue scorte, la sua clientela, il suo nome ma anche la sua reputazione e il diritto di locazione). "Questo acquisto è negoziato con il precedente proprietario e dovrai subentrare a tutti i dipendenti", afferma Alain Pechmagre. Poiché il prezzo del fondo è un multiplo del fatturato o dei profitti del negozio, controlla che tutti gli elementi contabili siano stati attestati da un esperto.

>> Il nostro servizio - Imprenditori, tutte le formalità legali online: più semplici, più veloci e meno costose, per creare un business, modificare i suoi statuti, proteggere un marchio o un logo, depositare un brevetto, recuperare una fattura ...

Arnaud Granel, co-fondatore del bar La Trinquette
"Un business con centinaia di migliaia di euro"

Per creare il loro wine bar, in 2010, nel centro di Parigi, i tre soci fondatori de La Trinquette hanno scelto di ripartire da zero. "Abbiamo affittato un posto che era una galleria d'arte. Così abbiamo firmato un nuovo contratto di locazione commerciale con il proprietario delle mura ", afferma Arnaud Granel. Una soluzione sicuramente più rischiosa rispetto all'acquisto di un bar esistente, ma ha permesso ai tre partner di diventare proprietari della loro attività e di godere dei frutti del loro investimento e del loro lavoro. In effetti, otto anni dopo, hanno venduto diverse centinaia di migliaia di euro. Una somma che permette loro di costruire ciascuno un bel gruzzolo.

>> Leggi anche - Questo aiuto a beneficio di molti imprenditori di 2019

Avvia la tua attività in passaggi 5

  • Lo stato: scegli il tuo stato legale (SARL, SA, auto-impresa, ecc.). Chiedi alla tua agenzia consolare le autorizzazioni necessarie in base alla natura della tua attività (flusso di bevande, tabacco, cibo, ecc.).
  • Il locale: prenditi il ​​tempo di visitare diversi e scegli una strada per lo shopping o un passaggio, accessibile.
  • Il contratto di locazione: firmare un contratto di locazione commerciale con il proprietario delle mura o riacquistare il "diritto alla locazione" dall'ex inquilino.
  • La registrazione: Registra il tuo negozio presso il Centro Formalità delle aziende da cui fai affidamento.
  • La garanzia: rendere i vostri locali e sottoscrivere una polizza assicurativa di responsabilità professionale per coprire i rischi connessi alla vostra attività.

Questo articolo è apparso per primo https://www.capital.fr/votre-carriere/voici-comment-ouvrir-un-commerce-en-evitant-les-pieges-1329379