Rimpasto in Senegal: Mouhammadou Makhtar Cissé, da Senelec al Ministero del petrolio - JeuneAfrique.com

Dopo essersi dimostrato alla testa di Senelec, Mouhamadou Makhtar Cissé ha ereditato l'altamente strategico Ministero del petrolio e dell'energia senegalese.

Mentre il Senegal sta per accadere nei prossimi anni, i suoi primi metri cubi di gas e primo olio è Mouhamadou Makhtar Cisse, che ha funzionato per quattro anni azienda energetica pubblica Senelec Mouhamadou Makhtar Cisse che è stato scelto per assumere la guida del Ministero strategico del petrolio e dell'energia.

Arrivato al Senelec a luglio 2015, ex troupe bambino addestrato presso la prestigiosa Accademia Militare Charles N'Tchoréré St. Louis, dove ha conseguito un Bachelor letteraria, è riuscito a raddrizzare questa azienda quasi in bancarotta pochi anni.

In 2016, indicava 30 miliardi F CFA di profitti, contro 12 miliardi in 2015. Sotto la sua guida e in favore di importanti investimenti pubblici in partnership con produttori indipendenti di energia nei settori solare e termico, il sottosettore dell'energia ha compiuto progressi significativi in ​​termini di modernizzazione delle infrastrutture, fornitura energia elettrica, introduzione di energie pulite nel mix energetico, ecc.

L'uomo di fiducia del presidente

Le capacità produttive nazionali hanno quindi raggiunto 1 130 MW in 2017, rispetto a 573 MW in 2012. Con non meno di quattro centrali solari commissionati oggi, uno dei principali obiettivi del piano d'azione prioritaria (PAP) 2016-2020, 2020 Yeessal detto anche Piano ( "riabilitazione" in wolof), sviluppato di Mouhamadou Makhtar Cissé e il suo team sono in grado di ridurre a 8% la quota di prodotti petroliferi nel mix energetico nazionale.


>>> LEGGI: Il Senegal dà respiro al suo mix energetico


Questo piano, il cui finanziamento è stimato in diverse centinaia di miliardi di franchi CFA, punta all'ampliamento della copertura di rete del paese e alla riduzione delle tariffe elettriche.

Il tecnocrate cinquantenne, nato a Dagana, nella regione di Saint-Louis, sarà quindi responsabile di una delle posizioni più importanti nel nuovo governo di Macky II. Inoltre, è considerato uno dei confidenti del presidente, di cui ha brevemente diretto il governo.

Prima classe

Se ha familiarità con il settore energetico, il controllo dei problemi di petrolio e gas sarà nuovo per lui. "Presto troverà i suoi segni, è un uomo di record", dice uno dei suoi parenti Giovane Africa.

Formatosi presso l'Università Cheikh Anta Diop di Dakar, dove ha conseguito la laurea in Diritto Commerciale, Cissé scivolato per un attimo l'abito legale prima di andare alla Scuola nazionale di amministrazione e Magistratura ( Enam, oggi ENA), dove è formata l'élite dell'amministrazione senegalese.

Dopo due anni, ha ottenuto il diploma di ispettore doganale, principale della sua promozione. Ha scalato uno a uno i ranghi di questa amministrazione fino a diventare CEO per tre anni (tra 2010 e 2013). A luglio 2013, si unisce al governo come delegato del ministro per il bilancio nel governo di Aminata Toure. Ha anche servito per otto anni il rispettato ispettorato generale dello Stato (IGE), un organismo di controllo ospitato nella presidenza della Repubblica e che ha partecipato al concorso 2002 - ed è arrivato per primo.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA