Camerun - Far North: Più di 400 ex combattenti Boko Haram si preoccupano del loro reinserimento

Dalla base della Multinazionale Joint Force (MMF) dove vivono, questi pentiti di Boko Haram stanno disperatamente aspettando l'attuazione del loro programma di reintegrazione.

Il quotidiano non è affatto facile per alcuni ex combattenti 400 del gruppo terroristico Boko Haram, che ha scelto di deporre le armi. Alla base del Multinational Joint Force (FMM) - esercito istituito dal Camerun, dalla Nigeria e dal Ciad per combattere il terrorismo - che si trova a Mora, a Mayo-Sava, è preoccupato per il loro reinserimento sociale.

Il quotidiano Mutazioni, in edicola questo 10 April 2019, dà la parola ad alcuni di loro. Il caso di Moudou Oumarou che trascorre le sue giornate seduto su un tronco d'albero. "Ho partecipato a molti saccheggi con Boko Haram: abbiamo bruciato case e ucciso persone. Ma più passava il tempo, più mi rendevo conto che la band non mi dava quello che mi aveva promesso. Quando lo stato del Camerun ci ha raggiunto, ho pensato di tornare sulla via della pace e abbandonare la setta "dice quest'ultimo.

Con il passare dei giorni, l'uomo si interroga sulla sua risocializzazione. "Ho molti bambini. Nell'immediato futuro, non ci viene offerto nulla per fare soldi. Dobbiamo attendere l'adempimento delle promesse del governo. E tutto sta andando lentamente. Siamo molto imbarazzati. Molti di noi potrebbero commettere furti in città per sopravvivere. "lui dice.

Ahmadou dice: "Le autorità non ci dicono se ci insegneranno posti di lavoro o addirittura arruoleremo nell'esercito. Ci dicono solo dei campi che costruiranno per ospitarci. Ciò che ci interessa è ciò che faremo per trovare una vita sociale normale ».

Tra questi ex combattenti, nota Mutazioni, includono donne e bambini sotto gli anni 15. Dalla visita di dicembre 2018 di Fai Yengo FrancisI coordinatori nazionali del Comitato nazionale per il disarmo, la smobilitazione e il reinserimento degli ex combattenti (CNDDR), non videro alcuna promessa che diventasse realtà.

Se fanno domande sul loro futuro, la presenza di ex combattenti terroristi a Mora non rassicura la popolazione. In effetti, alcuni ex insorti sono tornati direttamente alle rispettive famiglie. Casi di abuso e rapina sono attribuiti a loro.

Questo articolo è apparso per primo https://actucameroun.com/2019/04/10/cameroun-extreme-nord-plus-de-400-ex-combattants-de-boko-haram-sinquietent-au-sujet-de-leur-reinsertion/