Senegal: un libro colossale per andare alla "riconquista della nostra coscienza storica" ​​- JeuneAfrique.com

Presso l'Università di Cheikh Anta Diop, Dakar, in Senegal. © Pambazuka News / Flickr

Volumi 25 sulla storia generale del Senegal dalla preistoria ai giorni nostri. Questo è il progetto titanico e senza precedenti su cui stanno lavorando team di storici, professori e ricercatori di 2013. I primi cinque volumi sono previsti nella prima metà di 2019.

"La storia non è solo il business dello storico" ha detto Cheikh Anta Diop. Un mantra che quaranta professori, ricercatori, giornalisti, scienziati e storici hanno fatto per lo sviluppo dei volumi 25 di Storia Generale del Senegal. Annunciato questo mercoledì aprile 3 dal capo dello stato durante il suo discorso alla nazione, alla vigilia del Giorno dell'Indipendenza, questo libro ambizioso è il primo del suo genere in Senegal.

L'azienda è nata in 2013 dall'iniziativa di accademica e politica Iba Der Thiam, studiosa di storia e docente in pensione. La realizzazione del libro "condiziona la riconquista della nostra coscienza storica, la nostra identità nazionale e il nostro posto nell'evoluzione del mondo", ha detto il professor Thiam in una chiamata ai contributori.

Ora sei connesso al tuo account Jeune Afrique, ma non sei abbonato a Jeune Afrique Digital

Questo articolo è solo abbonati


Abbonati da 7,99 €per accedere a tutti gli oggetti in un numero illimitato

Sei già un abbonato?

Hai bisogno di aiuto

I tuoi abbonati benefici

  1. 1. Accesso illimitato a tutti gli articoli sul sito e all'applicazione Jeuneafrique.com (iOs e Android)
  2. 2. Ricevi un'anteprima, 24 ore prima della pubblicazione, di ogni numero e fuori serie Jeune Afrique sull'app Jeune Afrique The Magazine (iOS e Android)
  3. 3. Ricevi la newsletter di risparmio giornaliero per gli abbonati
  4. 4. Goditi 2 anni di archivi Young Africa in edizione digitale
  5. 5. Abbonamento senza impegno di durata con l'offerta mensile tacitamente rinnovabile*

*Servizio disponibile solo per le iscrizioni aperte.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA