Cancro ai polmoni: bere troppo tè o caffè aumenta il rischio


Una studio recente condotto da Studenti americani della Vanderbilt University (Tennessee) e presentati alla convention annuale dell'American Association for Cancer Research, attestano che bere più di due tazze di caffè o di tè ogni giorno aumenta il rischio di cancro ai polmoni.

Tabacco, un fattore aggravante

Hanno compilato e studiato i dati degli studi 17 condotti su 1,2 milioni di persone dagli Stati Uniti e dall'Asia. In un periodo medio di 8,6 anni, più di 20 500 persone hanno sviluppato cancro ai polmoni, metà dei quali era non fumatori. Statisticamente, secondo gli studenti, i fumatori che bevono due o più tazze di caffè al giorno sono più probabilità di 41 di avere un cancro ai polmoni rispetto a quelli che non lo fanno. Il rischio aumenta ulteriormente di 15% se il caffè è decaffeinato. I fumatori che bevono due tazze (o più) di tè al giorno aumentano il rischio di 37%.

I ricercatori ritengono che non sia la caffeina alla base dello sviluppo del cancro del polmone, ma una fase del processo di tostatura. Jingjing Zhu, autore principale dello studio, dice, tuttavia, che questo è solo uno studio osservazionale. Sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire un nesso causale. La dottoressa Julie Fisher, oncologa del Levine Cancer Institute in North Carolina, che non faceva parte dello studio, afferma che i risultati sono "interessanti" e "convincenti", ma ritiene che non si possano trarre conclusioni questa base

Francese e caffè

secondo un sondaggio Rilasciato Ifop / C10 in ottobre 2018, 83% di francesi consuma caffè (88% di uomini e 79% di donne). Sono 62% da ingoiare durante la colazione, 76% sul luogo di lavoro e 40% al ristorante. La maggior parte degli anni 50 sono i più affezionati poiché sono 92% da bere.

Ti interessa questo argomento? Vieni a discuterne sul nostro forum!























Questo articolo è apparso per primo https://www.pourquoidocteur.fr/Articles/Question-d-actu/28821-Cancer-poumon-boire-the-de-cafe-augmenterait-risque