Il direttore dell'AFP ad Algeri espulso dalle autorità algerine

Il direttore di Agence France-Presse (AFP) ad Algeri, Aymeric Vincenot, è stato espulso martedì dalle autorità algerine, che hanno rifiutato di rinnovare il suo accreditamento per 2019.

Questa espulsione si presenta come l'Algeria è la scena di un movimento di protesta popolare senza precedenti che ha costretto il presidente Abdelaziz Bouteflika prima di rinunciare alla sua candidatura per un quinto mandato, e poi dare le dimissioni il 2 aprile.

Lanciato nel febbraio 22, questo massiccio movimento pacifico, particolarmente amati dai giovani, è in corso, con la domanda principale lo smantellamento dell'intero sistema al potere dall'indipendenza dell'Algeria in 1962, al di là della partenza l'unica persona di Mr. Bouteflika e il suo clan.

Mr. Vincenot, anni 45, che serve ad Algeri dal giugno 2017, ha dovuto lasciare l'Algeria nella notte di Martedì, dopo il termine ultimo che gli era stato concesso dalla polizia alla scadenza del suo permesso di soggiorno.

"Questa decisione presa sotto la presidenza di Mr. Bouteflika è inaccettabile. È fuori discussione per noi, in queste condizioni, nominare un nuovo direttore ad Algeri immediatamente ", ha risposto l'amministratore delegato dell'AFP Fabrice Fries in una dichiarazione.

"Negando la posizione di capo posto in loco, questa decisione mina seriamente il nostro sistema, che mira a garantire una copertura esauriente e rigorosa degli eventi storici che si stanno verificando in Algeria", ha aggiunto Fries.

- "Eventi storici" -

Ha sottolineato, tuttavia, che l'AFP "non ha mollato" per continuare questa copertura degli eventi in Algeria, dove è stata in grado di inviare diversi inviati speciali nelle ultime settimane. L'agenzia continuerà a presentare domande di visto per altri giornalisti, ha detto l'amministratore delegato dell'agenzia di stampa.

Il capo dell'ufficio AFP, il cui permesso di soggiorno in Algeria era scaduto a febbraio 28, non ha più ottenuto l'accreditamento dalla fine dell'anno scorso.

La richiesta di rinnovo della sua carta stampa per 2019, un documento che condiziona l'ottenimento di un permesso di soggiorno, è rimasta senza alcuna risposta ufficiale da parte delle autorità, nonostante gli sforzi di AFP per ottenere spiegazioni.

Le autorità algerine non hanno mai notificato ufficialmente la gestione dell'Agenzia della loro decisione e le sue ragioni.

Hanno semplicemente parlato oralmente, durante la visita ad Algeri a marzo di un ufficiale dell'Agenzia, varie lamentele, inclusa la copertura delle notizie algerine e dello stato di salute di Mr. Bouteflika da parte di il capo dell'ufficio di AFP, ma senza fornire alcuna prova di colpa da parte sua. Inoltre, il signor Vincenot non ha mai avuto l'opportunità di rispondere.

L'AFP Editoriale Internazionale copre notizie in tutto il mondo di testo, video, foto e computer grafica in sei lingue, ore 24 24, in base alle esigenze editoriali del rigore, indipendenza e pluralità. Più che i clienti di 5.000 si fidano di lui. Presente nel paese 151, AFP ha un ufficio in Algeria da 1962.

Nell'ultimo indice di libertà di stampa mondiale di Reporters Without Borders (RSF), l'Algeria occupa il posto 136th nel paese 180.

- "Solidarietà" -

Alla fine di marzo, un corrispondente della Reuters, il giornalista tunisino Tarek Amara, è stato espulso dall'Algeria, dove aveva partecipato a manifestazioni contro il regime per diversi giorni.

Le autorità algerine non avevano fornito alcuna spiegazione. La Reuters, da parte sua, ha dichiarato all'AFP che il suo giornalista ha ottenuto un accreditamento per esercitarsi come inviato speciale.

Qualche settimana prima, una dozzina di giornalisti algerini sono stati arrestati e trattenuti per diverse ore dopo aver partecipato a una manifestazione per denunciare le pressioni e restrizioni subite sulla copertura del movimento di protesta "imposto dal (loro) la gerarchia."

RSF ha condannato questi arresti e "il brutale intervento della polizia".

Nella dichiarazione di AFP, il suo amministratore delegato, Fabrice Fries, ha espresso la "solidarietà" dell'Agenzia "ai giornalisti algerini, che fanno coraggiosamente il loro lavoro in condizioni particolarmente difficili".

esperto giornalista Aymeric Vincenot laureato alla Scuola di Giornalismo (ESJ) a Lille (nord della Francia), ha condotto numerose missioni sul campo per l'Agenzia notamment- -in Africa e ha già avuto a che fare posizioni di responsabilità sin dai suoi inizi in 2000.

E 'stato vice direttore dell'ufficio responsabile per la copertura dell'Africa Centrale, con sede a Libreville (2004-2008) inviato speciale per l'Afghanistan (2011) e giornalista presso l'ufficio responsabile per la copertura Africa Est e Oceano Indiano, con sede a Nairobi (2012-2016).

Questo articolo è apparso per primo https://actucameroun.com/2019/04/10/le-directeur-de-lafp-alger-expuls-par-les-autorits-algriennes/