La campagna presidenziale 2022 di Emmanuel Macron è già in pista

Mentre Emmanuel Macron suona un momento politico chiave dei suoi cinque anni con la fine del grande dibattito nazionale, ha ovviamente i suoi occhi sullo 2022 presidenziale. Per cercare di garantire la rielezione del Presidente della Repubblica, una strategia il cui cardine è Stanislas Guerini, il delegato generale del partito, è stato messo in atto, indica Le Monde.

Per ora, il budget annuale è di circa 23,5 milioni, per lo più pagati da fondi pubblici: circa 1 milioni di euro provengono da donazioni, il resto proviene dallo stato è legato al punteggio del legislativo 2017. Né il LREM eletto né i membri pagano i contributi.

Nelle elezioni presidenziali, il massimale di spesa è stimato a 22,5 milioni per i due finalisti. L'obiettivo attuale è di risparmiare circa 15 milioni di euro e di prendere in prestito circa 7 milioni dalle banche.

Donazioni. Per ampliare le fonti di reddito, il partito presidenziale vede diverse tracce. In particolare, vuole che i suoi funzionari eletti paghino una quota associativa. Per ora, gli euro mensili 400 finiscono nelle tasche del gruppo parlamentare dell'Assemblea nazionale. A maggio, LREM intende cambiare questa situazione: gli euro 350 andrebbero al gruppo e 150 alla festa. Ma alcuni funzionari eletti non sembrano molto veloci nel seguire la linea.

L'altro modo è accelerare le donazioni promuovendo i territori e le reti locali del partito, per dare loro un contributo in seguito. Questa politica potrebbe essere implementata a maggio, puntando a contributi minori rispetto ai "grandi conti", particolarmente ricercati nelle elezioni presidenziali.

Infine, LREM vuole acquistare un posto e smettere di affittare la villa rue Sainte-Anne (Parigi), attualmente utilizzata. L'acquisto, che potrebbe essere compreso tra 15 e 20 milioni, consentirebbe alla parte presidenziale di mantenere attivi per ottenere prestiti migliori dalle banche.

VIDEO. Europei: dal rifiuto delle banche alla richiesta di donazioni, le parti affrontano la prova del finanziamento

Questo articolo è apparso per primo https://www.lopinion.fr/edition/politique/campagne-presidentielle-2022-d-emmanuel-macron-deja-rails-183612