Libia: chi sono le milizie che detengono Tripoli?

Da giovedì ad aprile 4, il maresciallo Khalifa Haftar, l'uomo forte della Libia orientale ha lanciato un'offensiva. Questi scontri sono diretti a Tripoli che ospita il quartier generale del governo di unità nazionale, sostenuto dalla comunità internazionale. Il bilancio di questa violenza è aumentato: i combattimenti hanno reso 47 morto secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità.

I combattimenti si sono concentrati su due località vicine alla capitale. Difficile valutare quale fazione prende il sopravvento. Alcune fonti descrivono una situazione instabile: " C'è una miriade di gruppi armati che difendono i propri interessi, tutti con armi pesanti ", A circa quindici chilometri da Tripoli, indica una fonte. Entrambe le parti sono impegnate in una guerra di comunicazione sui social network. Ogni membro del personale pensa che stiano facendo " avanzamenti A terra

Lunedì notte, la battaglia si è concentrata attorno a un punto strategico, l'aeroporto Mitiga, situato nella periferia orientale della città, su cui le forze fedeli al maresciallo Haftar lanciarono un bombardamento aereo. L'attacco non ha ucciso, ma il sito è stato evacuato. Martedì, l'aeroporto è stato riaperto, solo nei voli notturni.

In parallelo al conflitto armato, c'erano giochi verbali. Diplomaticamente, le convinzioni e le chiamate per fermare la violenza stanno aumentando. Michele Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, esorta tutte le parti a rispettare " il loro obbligo ai sensi del diritto internazionale di garantire la protezione dei civili e delle infrastrutture civili '.

A causa dei combattimenti, l'inviato Onu in Libia Ghassan Salamé ha annunciato martedì il rinvio sine die della conferenza nazionale interlibrare pianificata di 14 a 16 aprile nella parte centro-occidentale del paese.

Chi sono le forze che controllano Tripoli?

Quattro importanti milizie controllano la capitale libica, secondo i ricercatori. Gruppi armati che hanno combattuto Muammar Gheddafi in 2011, fondato a Tripoli da allora.

Secondo lo specialista Libia Jalel Harchaoui l'ideologia islamista rivoluzionaria che ha caratterizzato questi gruppi gradualmente cancellati a favore di dirigenti senza ideologia politica, ma interessa solo il controllo delle risorse finanziarie nella capitale.

► Quali sono le ambizioni di Marshal Haftar?

È nel nome dell'accesso a queste risorse e della possibilità di arricchirsi che queste milizie hanno sempre tollerato il governo di unità nazionale più di quanto non lo sostengano.

Ma fino a poco tempo fa, queste milizie offrivano un volto particolarmente frammentato, diviso tra ricorrenti conflitti. Un accordo che è cambiato improvvisamente con l'offensiva lanciata dall'uomo forte dell'est del paese giovedì scorso.

Di fronte all'attacco del maresciallo Haftar, questi gruppi formarono un fronte comune nuovo e abbastanza efficace. Resta da vedere per quanto tempo questa unione di circostanze si svolgerà in questa lotta di potere intorno al controllo del ricco Tripoli.

fonte: http://www.rfi.fr/afrique/20190409-libye-milices-controlent-tripoli