Barcellona mette il Manchester United al suo posto

Era come un baratro: prepotente senza essere al suo meglio, l'FC Barcelona ha messo piede nell'ultima piazza europea dopo la sua breve vittoria sul prato del Manchester United (1-0), mercoledì nell'andata dei quarti di finale della Champions League.

Questo fondamentale gol in trasferta permette al "Blaugrana" di sperare di fare un ritorno in semifinale per la prima volta da 2015, dopo quattro fallimenti consecutivi di quarterback.

Per mancanza di precisione e ispirazione nell'ultimo gesto, sarà comunque diffidente nei confronti di un "ritorno" al Camp Nou. Contro il PSG nel turno precedente, i mancuniani hanno dimostrato che potevano farcela: non sono riusciti a portare i loro due gol di ritardo al Parc des Princes?

Ma i "remontadas", Barca lo sa. E vista l'impressione di dominazione percepita mercoledì, le possibilità di Paul Pogba e di altri sembrano molto scarse.

All'Old Trafford non c'era nessuna immagine. I "Red Devils" non avevano raggiunto questo livello di concorrenza da quando 2014 è stato visto.

Tranne che, senza grande immaginazione e un po 'imbarazzante, gli uomini di Ernesto Valverde hanno trovato la colpa solo una volta.

Ancora una volta, i futuri futuri campioni spagnoli potrebbero contare su Lionel Messi per sbloccare la situazione. Il capitano ha offerto l'unico obiettivo del gioco, mentre si è dato, fino al punto di finire la partita con un cattivo naso.

E non ci è voluto molto tempo. Rakitic ha seguito perfettamente la chiamata dell'Argentina, lanciando il suo passaggio sulla difesa. Il quintuplice pallone d'oro è andato fuori centro per posizionare un piccolo centro sulla testa di Suarez. Quest'ultimo non ha perso la sua occasione (13) ... credendo allo spazio per un momento a respingere l'incantesimo.

- Nessuna fortuna per Suarez -

Ma l'uruguaiano ha il fegato: la palla ha toccato la spalla di Shaw. Una deviazione che lo priva di un obiettivo, di imputare contro il suo campo al lato inglese, prolungando la maledizione del mordente attaccante!

Il suo ultimo gol in C1 sale davvero nel quarto a disputare Roma 4 April 2018. E il suo ultimo gol europeo lontano dal Camp Nou è settembre 2015.

Stanco per il sudamericano e per i suoi compagni di squadra, questo era l'unico obiettivo della partita, Coutinho era quindi pronto a seppellire le speranze dei mancuniani, ma il suo potente mezzo-volley dall'ingresso in superficie, trovò il eccellente De Gea (36), proprio come Jordi Alba poco dopo l'ora di gioco (66).

Per il resto, non c'era nessuna immagine. Nonostante tutta la sua buona volontà, il Manchester United ha avuto il suo impegno pressante e fisico per opporsi alla classe di Barcellona (67% di possesso), proprio come questa vigorosa intercettazione di Smalling sul "Pulga" (30) .

Inviato al tappeto, il capitano si alzò, il naso tagliato e insanguinato, per il trattamento. Il tutto con un'impressionante impassibilità, da mostrare la sua determinazione nella riconquista di questo "taglio se lo si desidera".

Rashford ha cercato di scuotere il Barça, ma il giovane attaccante inglese non ha mai lasciato il segno, limitandosi a tentativi da lontano (5, 21). Trovò Dalot in una croce superba prima dell'intervallo, ma il giovane portoghese non si adattò alla sua testa, rovinando la più pericolosa opportunità dei Red Devils.

Più intraprendente nella ripresa, i mancuniani ci hanno provato, senza essere veramente pericolosi (nessun tiro inquadrato in dieci tentativi in ​​totale).

E non sono le voci di Martial, Andreas Pereira o Lingard, gli ultimi colpi di Ole Gunnar Solskjaer, che hanno cambiato la situazione. Era necessario molto di più per disturbare il Barça lì.

Fonte dell'articolo: http://www.rfi.fr/depeche/barcelone-remet-manchester-united-place