Musica: i rudeboys dei Trojan Records sono cinquanta - JeuneAfrique.com

Desmond Dekker, il primo cantante reggae a godere del riconoscimento internazionale. E la stella della casa discografica. © Dezo Hoffmann / Rex Features / SIPA

La leggendaria etichetta reggae ha avuto 50 anni in 2018. Un documentario mette in luce la sua influenza sulla diaspora giamaicana, ma anche sulla cultura britannica.

Negli anni 1950 e 1960, l'Inghilterra del dopoguerra, in carenza di manodopera, incitò gli abitanti del Commonwealth emigrare in maniera massiccia. Una chiamata ovviamente nelle Indie Occidentali Britanniche, e specialmente in Giamaica: tra 1955 e 1963, circa 100 000 Jamaicans si insediano nel Regno Unito.

Per chi arriva, lo shock è duro, non solo a causa del tempo. Come riportato nel documentario che Nicolas Jack Davies ha dedicato alla Trojan Records, Rudeboys. La storia dei dischi Trojan, A scuola, alcuni bambini lanciano banane o noccioline ai nuovi arrivati ​​mentre, nelle agenzie di collocamento, il NCP (senza persone di colore) viene moltiplicato sui manifesti.

Ora sei connesso al tuo account Jeune Afrique, ma non sei abbonato a Jeune Afrique Digital

Questo articolo è solo abbonati


Abbonati da 7,99 €per accedere a tutti gli oggetti in un numero illimitato

Sei già un abbonato?

Hai bisogno di aiuto

I tuoi abbonati benefici

  1. 1. Accesso illimitato a tutti gli articoli sul sito e all'applicazione Jeuneafrique.com (iOs e Android)
  2. 2. Ricevi un'anteprima, 24 ore prima della pubblicazione, di ogni numero e fuori serie Jeune Afrique sull'app Jeune Afrique The Magazine (iOS e Android)
  3. 3. Ricevi la newsletter di risparmio giornaliero per gli abbonati
  4. 4. Goditi 2 anni di archivi Young Africa in edizione digitale
  5. 5. Abbonamento senza impegno di durata con l'offerta mensile tacitamente rinnovabile*

*Servizio disponibile solo per le iscrizioni aperte.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA