Sudan: ascensori del coprifuoco e dimissioni del capo dell'intelligence - JeuneAfrique.com

Manifestanti nella capitale sudanese Khartoum, venerdì 12 APRILE 2019. © Anonimo / AP / SIPA

Il nuovo uomo forte del Sudan, Abdel Fattah al-Burhane, ha annunciato sabato la revoca del coprifuoco e il rilascio di tutti i manifestanti arrestati nelle ultime settimane durante un discorso alla nazione. Il Consiglio militare al governo dal rovesciamento di Omar al-Bashir ha anche annunciato le dimissioni del capo dell'intelligence.

Abdel Fattah al-Burhane, il secondo esercito a guidare la transizione in Sudan in due giorni, ha annunciato sabato la revoca del coprifuoco, il rilascio di tutti i manifestanti arrestati nelle ultime settimane e ha promesso di "eliminare le radici" del Il potere caduto di Omar al-Bashir.

Si è anche impegnato a provare le persone che hanno ucciso i manifestanti durante un discorso alla nazione trasmesso in diretta dalla televisione di stato due giorni dopo il rovesciamento di Omar al-Bashir da parte dell'esercito.

Dimissioni "accettate"

Il consiglio militare al potere dalla caduta di Bashir ha anche annunciato le dimissioni del capo del potente servizio di intelligence del Sudan NISS, Salah Gosh, che ha guidato la repressione del movimento di protesta negli ultimi mesi.

"Il capo del consiglio militare di transizione, Abdel Fattah al-Burhane, ha accettato queste dimissioni", ha affermato il Consiglio in una dichiarazione.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA