Marocco: migliaia di insegnanti "a contratto" sospendono lo sciopero - JeuneAfrique.com

Migliaia di insegnanti marocchini conosciuti come "contrattuali" riprenderanno i lavori lunedì, terminando temporaneamente lo sciopero lanciato all'inizio di marzo, annunciato domenica il loro coordinamento.

"I lavoratori a contratto mantengono ancora lo status di dipendente pubblico" all'interno del Ministero della Pubblica Istruzione, tuttavia ha avvertito il "coordinamento degli insegnanti a contratto" in una dichiarazione trasmessa dai siti di notizie Medias24 e Al-Yaoum 24.

Secondo gli stessi media, gli insegnanti hanno deciso di sospendere il loro sciopero lunedì, mentre un nuovo incontro con il ministero è previsto per aprile 23. Di conseguenza, potrebbe essere lanciato un nuovo sciopero ad aprile 25, aggiunto il coordinamento.

L'annuncio arriva dopo un incontro tra il Ministero della Pubblica Istruzione, i sindacati dell'istruzione e i rappresentanti degli scioperanti insegnanti, contrassegnati da un dibattito "serio" e "responsabile", secondo una dichiarazione del Ministero.

Al termine dell'incontro, il ministero ha annunciato di aver deciso di "sospendere tutte le misure amministrative e legali contro" gli insegnanti colpevoli. Gli insegnanti hanno espresso "il loro impegno per riprendere il lavoro dal lunedì 15 di aprile" in occasione di questo incontro, hanno fatto avanzare il ministro della pubblica istruzione.

Insegnanti 55 000 coinvolti

Di fronte un movimento di sciopero accompagnato da eventi importantiAlla fine di marzo, il ministero ha avviato una procedura di licenziamento "per l'abbandono del posto" al fine di convincere le migliaia di insegnanti in sciopero a tornare al lavoro.

Il movimento riguarda gli insegnanti 55 000 reclutati da 2016 sulla base di contratti a tempo determinato (CDD) poi integrati nelle Accademie regionali. Rivendicano lo status di dipendente pubblico all'interno del Ministero della Pubblica Istruzione. Hanno gli stessi stipendi degli altri - 5 000 dirhams al mese (su 460 euro) - ma si lamentano di non godere degli stessi diritti, in particolare per quanto riguarda il piano pensionistico.

Alla fine di marzo, una grande dimostrazione di insegnanti contrattuali prima che il Parlamento di Rabat fosse stato disperso dalla polizia con l'aiuto di cannoni ad acqua.

Alcuni studenti 300 000 hanno subito assenze da insegnante, ha detto di recente Il ministro dell'Istruzione ha detto Amzazi.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA