Ruolo della Francia in Ruanda: il partito socialista rifiuta di firmare un appello a "tenere un discorso di verità" - JeuneAfrique.com

Durante la commemorazione del genocidio tutsi in Ruanda, 7 April 2019 allo stadio Amahoro a Kigali. © Ben Curtis / AP / SIPA

Il primo segretario del Partito socialista francese ha rifiutato di apporre la propria firma in fondo a una lettera aperta che ingiunge a Emmanuel Macron di "tenere un discorso di verità" sul ruolo della Francia nel genocidio dei Tutsi. Secondo Olivier Faure, le autorità ruandesi "strumentalizzano il genocidio per consolidare la loro dittatura".

Olivier Faure, il primo segretario del Partito socialista francese, ha rifiutato di aderire a una lettera aperta pubblicata all'inizio di aprile in diversi quotidiani, tra cui Le Monde, che ha chiamato Emmanuel Macron per andare in Ruanda per la commemorazione di 25e e "Tieni un discorso di verità" sul ruolo della Francia nel genocidio di Tutsi.

Ora sei connesso al tuo account Jeune Afrique, ma non sei abbonato a Jeune Afrique Digital

Questo articolo è solo abbonati


Abbonati da 7,99 €per accedere a tutti gli oggetti in un numero illimitato

Sei già un abbonato?

Hai bisogno di aiuto

I tuoi abbonati benefici

  1. 1. Accesso illimitato a tutti gli articoli sul sito e all'applicazione Jeuneafrique.com (iOs e Android)
  2. 2. Ricevi un'anteprima, 24 ore prima della pubblicazione, di ogni numero e fuori serie Jeune Afrique sull'app Jeune Afrique The Magazine (iOS e Android)
  3. 3. Ricevi la newsletter di risparmio giornaliero per gli abbonati
  4. 4. Goditi 2 anni di archivi Young Africa in edizione digitale
  5. 5. Abbonamento senza impegno di durata con l'offerta mensile tacitamente rinnovabile*

*Servizio disponibile solo per le iscrizioni aperte.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA