Come migliorare la tua memoria (anche se non riesci a trovare le chiavi della tua auto) - New York Times

Cosa rende un buon barista? Il tuo candidato ideale è probabilmente qualcuno che ha l'empatia di consolarti dopo una rottura, la forza mentale di resistere ai clienti abusivi e l'abilità di mescolare un sacco di bevande - rapidamente.

Ma anni fa, quando Gallup studiato le prestazioni dei baristi, hanno trovato qualcosa di inaspettato. I migliori baristi avevano ricordi eccezionalmente dettagliati. Non ricordavano solo i nomi dei clienti abituali; sapevano anche i loro ordini di bevande.

Quali erano i loro ricordi? Per scoprirlo, Gallup ha collaborato con Allied Breweries creare il Cento Club, offrendo denaro e riconoscimento a qualsiasi barista che possa memorizzare i nomi 100 e le bevande corrispondenti. Sebbene il bonus più grande ritorni a tutti i baristi che hanno raggiunto i dollari 500, gli organizzatori erano scettici riguardo al successo di tutti. Pochi anni dopo, un barista britannico di nome Janice li sorprese memorizzando i nomi e le bevande dei clienti 3 000.

Sebbene questo tipo di memoria suoni come un talento innato, si rivela essere un'abilità che può essere appresa. Prendi Joshua Foer, un giornalista ineguagliato che si è allenato per un anno e alla fine ha vinto il titolo di campione americano della memoria .

"Ognuno ha una buona memoria", dice Foer. il mio Podcast di WorkLife . "Incredibili capacità di memoria sono latenti in tutti noi - se usiamo le tecniche giuste per svegliarle."

[Commecequevouslisez? Registrati qui per ricevere la newsletter Smarter Living e ricevere storie come questa (e altre!) direttamente nella tua casella di posta ogni lunedì mattina.]

Quindi abbandona le cattive abitudini di studio che hai imparato a scuola e inizia con questi tre passaggi.

Primo: dì addio agli entusiasti della notte. In una serie esperienze gli studenti ascoltavano le storie e poi controllavano quante informazioni ricordavano un'ora dopo. Il loro richiamo è aumentato da 10 a 30% se sono stati assegnati in modo casuale a sedersi e non fare nulla in una stanza buia e silenziosa per alcuni minuti subito dopo aver sentito la storia. La tua mente ha bisogno di riposo e spazio per consolidare e archiviare informazioni. Questo è particolarmente vero per le persone che hanno problemi di memoria: quando la stessa esperienza è stata fatta con pazienti con ictus o altre lesioni neurologiche, il riposo a riposo ha migliorato il loro richiamo da 7% a 79% .

Secondo: non disturbarti. con correzione di bozze o evidenziazione. La ricerca rivela che non aiutano molto; sono troppo passivi. Invece, prova qualcosa di attivo: chiediti. Prova completa mostra che i test di pratica consentono una migliore ritenzione rispetto a qualsiasi altra tecnica. Quando recuperi la conoscenza dalla tua mente ancora e ancora, sai dove trovarla la prossima volta e scopri rapidamente dove sono le lacune nella tua memoria.

Terzo: dillo a qualcuno. In un recente esperienza le persone hanno imparato a conoscere le onde sonore e l'effetto Doppler. (Sai, il fenomeno che la sirena di una macchina della polizia è acuta mentre ti si avvicina e cade ogni volta che ti passa). Alla fine dei loro studi, i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a dare una lezione sul materiale con o senza note. Una settimana dopo, sono tornati e hanno dovuto sottoporsi a un test a sorpresa durante il loro richiamo. Coloro che avevano insegnato la lezione senza note stavano meglio.

Descrivere l'effetto Doppler nelle proprie parole ha continuato a farlo funzionare. Il modo migliore per imparare veramente qualcosa è insegnarlo - non solo perché spiegarlo aiuta a capire, ma anche perché recuperarlo aiuta a ricordarlo.

Ora vai a sederti in una stanza buia e silenziosa per 10 minuti, assicurandoti di non addormentarti, poi chiediti quali sono i punti chiave di questo articolo e di dire a qualcun altro cosa hai imparato.

Adam Grant uno psicologo organizzativo a Wharton, è l'autore di Originals ». Per saperne di più sulla tua carriera e le tue relazioni, ascolta WorkLife con Adam Grant un podcast originale di TED sulla scienza del fare il lavoro non fa schifo. Puoi trovare WorkLife attivo Podcast Apple o sulla tua piattaforma di podcast preferita.

Questo articolo è apparso per primo (in inglese) su NEW YORK TIMES