Dati di geolocalizzazione di Google sovrasfruttati dalla polizia?

Quando i sondaggi pattinano, le autorità possono rivolgersi a una fonte per i dati sulla posizione che potrebbero portare a nuovi contatti: Google.

Secondo un rapporto del New York Times, la polizia ha utilizzato le informazioni dal database Sensorvault del gigante della ricerca per aiutare in vari casi criminali in tutto il paese.

Conciliare la vita privata con i requisiti delle autorità

Il database contiene i record dettagliati sul posizione di centinaia di milioni di telefoni nel mondo, dice il NYT. È progettato per raccogliere informazioni sugli utenti dei prodotti Google in modo che l'azienda possa indirizzare meglio i propri annunci e misurare la loro efficacia.

Ma la polizia ha sfruttato il database per progredire nelle sue indagini. Le autorità possono ottenere mandati di "geofence" per ottenere dati sulla posizione. Tali richieste hanno raggiunto il picco negli ultimi sei mesi e la società ha ricevuto fino a 180 richieste in una settimana.

Google ha rifiutato di rispondere a domande specifiche su Sensorvault, ma afferma di aver ridotto la quantità di informazioni identificabili fornite alla polizia. "Proteggiamo vigorosamente la privacy dei nostri utenti sostenendo l'importante lavoro delle forze dell'ordine", ha detto un portavoce.

"Abbiamo creato un nuovo processo per queste richieste specifiche per adempiere ai nostri obblighi legali mentre riducendo la portata dei dati divulgati e produce solo informazioni che identificano utenti specifici quando richiesto dalla legge ".

Non è raro che la polizia cerchi aiuto da parte delle aziende tecnologiche. Ma l'uso dei dati di Sensorvault ha sollevato preoccupazioni sul coinvolgimento di persone innocenti. Il Times ha intervistato un uomo arrestato l'anno scorso nell'ambito di un'indagine per omicidio.

La polizia era stata avvisata di questo sospetto con i dati di Google. Ma è stato rilasciato dalla prigione dopo una settimana, quando gli investigatori hanno identificato e arrestato un altro sospetto.

Questo articolo è apparso per primo https://www.zdnet.fr/actualites/les-donnees-de-geolocalisation-de-google-sur-exploitees-par-la-police-39883457.htm