Idrocarburi: con l'acquisizione di Anadarko, Chevron mette piede in Algeria - JeuneAfrique.com

La numero due della compagnia petrolifera statunitense, Chevron, ha annunciato l'acquisizione del suo connazionale Anadarko, rafforzando la sua presenza nel continente africano, in particolare in Algeria e Mozambico.

Chevron, il gigante petrolifero americano, stabilisce un primo piede in Algeria e rafforza la sua presenza in Africa. Il maggiore del petrolio ha annunciato venerdì 12 di aprile di acquistare il suo connazionale Anadarko per 33 miliardi di dollari (29 miliardi di euro). Quest'ultimo è uno dei principali partner del Sonatrach in Algeria, dove opera i blocchi 404 e 208 sul campo Hassi Berkine, con un contratto in scadenza in 2023, nonché uno dei maggiori depositi nazionali, El Merk in Illizi.

Botti 260 000 estratte quotidianamente in Algeria

Allo stesso tempo, Chevron metterà le mani su uno dei più grandi progetti di gas naturale liquefatto in Africa, est del Mozambico, dove sarà in concorrenza diretta con la compagnia petrolifera più importante del mondo, la sua connazionale Exxon mobil.

Lo scorso marzo, in occasione del 12th Summit algerino-americano sull'energia tenutosi a Houston, in Texas, Anadarko ha dichiarato ai dirigenti di Sonatrach il desiderio di rinnovare tutti i suoi contratti operativi in ​​Algeria. o l'azienda produce circa 260 000 di barili di greggio al giorno.

Questa transazione è una delle più grandi nel settore petrolifero da quando 2015 ha acquisito 61 miliardi di dollari da BG Group da Royal Dutch Shell. Interviene al momento i prezzi del petrolio sono in ripresa dopo diversi anni di forte calo che ha portato ad un crollo dei profitti e degli investimenti delle major petrolifere in tutto il mondo.

Il matrimonio Chevron-Anadarko riflette la doppia sfida del primo a investire pesantemente nel nuovo eldorado del settore: la regione del bacino del Permiano, che si estende dal Texas occidentale al Nuovo Messico sud-orientale. Questa zona ospita le principali riserve statunitensi ed è diventata il campo più prolifico del mondo prima del bacino saudita di Ghawar con estrazioni di 4,1 milioni di barili al giorno (mbj).

La Chevron, che investe ampiamente nei siti Gorgon e Wheatstone LNG in Australia, sceglie anche di fare affidamento sul gas naturale, che è diventato una delle risorse più popolari per le major in quanto la lotta ai cambiamenti climatici ha reso i combustibili fossili indesiderabili. . "I giganti dell'energia si rendono conto che hanno bisogno di investire di più nel gas di scisto e nelle energie rinnovabili", ha commentato Jarand Rystad, fondatore della società Rystad Energy presso AFP.

"La combinazione delle risorse di alta qualità di Anadarko e del nostro portafoglio rafforza la nostra posizione di leadership nel bacino del Permiano, estende le nostre capacità nel Golfo del Messico e rafforza il nostro business di gas naturale liquefatto", ha affermato. ha dato il benvenuto a Michael Wirth, CEO di Chevron, citato in una dichiarazione.

Verso un consolidamento del settore petrolifero?

La società, che è la più grande acquisizione dall'acquisizione di Texaco in 2000, prenderà anche il controllo di un corridoio nel bacino del Delaware (Texas) ricco di gas di scisto e rafforzerà nel Golfo del Messico per esplorazione di acque profonde.

"Chevron diventerà il secondo maggior produttore di idrocarburi al mondo", afferma Roy Martin di Wood Mackenzie, davanti a Royal Dutch Shell e BP, ma dietro a ExxonMobil. I giganti pubblici come Aramco non sono classificati.

A Wall Street, la quota della Chevron ha perso 5,29% in dollari 119,27 in 15H00 GMT, mentre Anadarko in 32,35% in 61,95 in dollari.

L'operazione potrebbe avviare un movimento di consolidamento nel settore petrolifero, sostengono gli esperti. ExxonMobil potrebbe uscire dal bosco e fare un'offerta su Pioneer Natural Resources, Morgan Stanley Bank.

15 recupero crediti miliardi di euro

Chevron offre agli azionisti Anadarko 16,25 dollari per ogni titolo posseduto e 0,3869 Chevron share. Tale proposta valuta la quota di Anadarko a 65 dollari, che rappresenta un premio di 39% rispetto al prezzo di chiusura di giovedì 11 di aprile.

La società assumerà anche il miliardo 15 del debito di Anadarko, che equivale a un valore aziendale totale di 50 miliardi. Questa operazione dovrebbe generare alcuni miliardi di dollari in risparmi, tra cui 2 miliardi in sinergie, dal primo anno dopo la sua finalizzazione. Chevron prevede inoltre di vendere 1 15 miliardi di attività a 20 da 2020 e 2022 al fine di ridurre il debito e coccolare i propri azionisti pagando dividendi e riacquistando le proprie azioni.

Il matrimonio, che dovrebbe essere finalizzato nella seconda metà dell'anno, deve ancora essere approvato dalle autorità della concorrenza, dai consigli di amministrazione delle due società e dagli azionisti di Anadarko.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA