Alla nascita, la cittadinanza americana di Meghan costringerà lei e il bambino ad affrontare un dilemma fiscale

La nostra amata Duchessa di Sussex sta per dare alla luce il suo primissimo figlio. I felici futuri genitori, Harry e Meghan, si stanno preparando con grande talento per accogliere finalmente il loro bambino.

Si ritiene che la fine di aprile o l'inizio di maggio sia la data prevista per la nascita di Meghan, e il mondo finirà per litigare sul fatto che sia una ragazza o un ragazzo, o addirittura un falsa gravidanza.

Il dilemma fiscale

Il bambino reale non è ancora nato, ma è già nella tempesta. Max Foster, della CNN, sostiene che Meghan Markle e il principe Harry affrontano problemi più seri che comprare pannolini o decorare l'asilo nido nella loro nuova casa. Cottage Frogmore.

Meghan e il bambino sono cittadini statunitensi e, di conseguenza, il bambino dovrà affrontare un dilemma fiscale poiché il Duca e la Duchessa dovranno pagare le tasse statunitensi ", il che potrebbe potenzialmente aprire i conti reali notoriamente privati ​​all'Internal Revenue Servizio (IRS) ".

Gli Stati Uniti hanno un sistema fiscale speciale basato sulla cittadinanza, il che implica che Meghan Markle è senza dubbio tassato a causa della sua cittadinanza. In termini semplici, gli ispettori delle tasse degli Stati Uniti potevano guardare da vicino la fortuna reale di Harry e Meghan e le entrate dei loro neonati.

Baby Sussex sarà il primo anglo-americano della monarchia britannica e avrà doppia nazionalità. Nessun membro della famiglia reale ha mai sofferto di simili complicazioni.

Niente riposo

Mentre i fan della regalità aspettano pazientemente la piccola Sussex, Lady Colin Campbell accusa aspramente Meghan di aver sminuito la sua stessa famiglia negli Stati Uniti, oltre ad essere "una persona narcisista".

Chiaramente, il denaro non compra la felicità. Ahimè, tutto non dipende da noi.

Comunque, Meghan Markle è una donna adulta, e avere suo marito Harry al suo fianco le dà sicuramente potere, pazienza e speranza per un futuro migliore.

Questo articolo è apparso per primo FABIOSA.FR