La NASA ha spedito i topi nello spazio ei risultati sono involontariamente esilaranti - BGR

Ad un certo punto, in un futuro non troppo lontano, la NASA e altri gruppi spaziali in tutto il mondo cominceranno a imbarcarsi in missioni abitate più in profondità nel nostro sistema solare di quanto non lo sia mai stata la nostra specie. Questo significa viaggi lunghi e soggiorni prolungati in microgravità per gli astronauti che si imbarcano su di loro, il che potrebbe essere un problema.

Grazie alla Stazione Spaziale Internazionale, conosciamo un po 'meglio gli effetti della gravità sul corpo umano, ma la NASA vuole saperne di più. A tal fine, l'agenzia ha studiato come le altre specie gestiscono con bassa severità, con particolare attenzione ai topi. I risultati sono sia interessanti che divertenti.

Come la NASA spiega in un nuovo post sul blog Gli scienziati hanno inviato un modulo appositamente progettato per l'habitat del topo alla Stazione spaziale internazionale e alcuni dei piccoli roditori pelosi. Il composto ha permesso ai ricercatori di studiare il comportamento dei topi terrestri da remoto tramite flussi video, e ora ne beneficiamo.

Come noterai sicuramente nel video, i topi sembrano davvero a disagio all'inizio dell'esperimento. Si girano, si spostano all'interno dei piccoli confini della gabbia e fanno del loro meglio per determinare quale sentiero è alto, ma senza successo. Tuttavia, i topi non sono lenti a farsi capire, adattandosi notevolmente al loro nuovo ambiente e sfruttando anche la mancanza di gravità a loro vantaggio quando si aggirano intorno alla gabbia.

È allora che le cose si scatenano, con il video dal giorno 11e dell'esperimento, a dimostrazione del fatto che i topi non sono solo confrontati con il cambiamento di gravità, ma in realtà sembrano divertirsi.

I ricercatori della NASA volevano sapere se i topi continuassero a fare lo stesso tipo di attività di quelli osservati sulla Terra. Lo studio ha dimostrato che i topi mantenevano intatte molte delle loro abitudini, incluso il grooming e l'alimentazione in caso di fame.

Ricerche come questa possono aiutare la NASA a prepararsi meglio per future missioni su Marte, rivelando i tipi di cambiamenti comportamentali e biologici che potrebbero verificarsi nei mammiferi esposti a prolungati soggiorni di microgravità. Sembra che produca anche video fantastici.

Questo articolo è apparso per primo (in inglese) su BGR