RDC: Revisione della stampa cinese questo martedì 16 April 2019 - Africa

- La tensione nella camera bassa del parlamento dove i deputati sono quasi venuti ai colpi, la permanenza del capo dello stato nell'est del paese e la decisione di quest'ultimo del rinvio dell'elezione del governatore di Sankuru sono gli argomenti che fanno notizia oggi a Kinshasa.

"Assemblea nazionale: la plenaria sospesa in confusione". È stata la desolazione di ieri lunedì alla sessione plenaria dell'Assemblea nazionale, i deputati nazionali hanno seminato un gran caos che si è quasi trasformato in una battaglia diffusa nella Camera del Palazzo del Popolo.

Al punto che il presidente dell'ufficio provvisorio dell'Assemblea nazionale sovraccaricata ha avuto problemi a gestire questa tensione molto vivace tra i deputati, e ha finito per sospendere l'incontro, riferisce L'AVENIR che propone questo titolo. Il nostro collega che si chiede anche: "Cosa c'è dietro questo disturbo? "Le reazioni di entrambi i campi politici indicano che la maggioranza parlamentare vuole impedire la convalida dei mandati dei nuovi deputati nazionali eletti recentemente nel Nord Kivu e Mai Ndombe. Per questa maggioranza, è necessario andare direttamente all'elezione dell'ufficio definito che procederà alla convalida dei loro mandati ".

Da parte sua, LA PROSPERITE osserva: "La plenaria si sta chiudendo a coda di pesce! ". Egli osserva: "I giorni stanno iniziando a riunirsi nella camera bassa del parlamento. Due mesi dopo il suo adeguamento, l'ufficio provvisorio dell'Assemblea nazionale non ha ancora organizzato le elezioni per accelerare l'installazione dei membri dell'ufficio definitivo. Ancor meno, deplora, nessun calendario elettorale è stato comunicato ai rappresentanti eletti del popolo.

Per PROSPERITY, "al ritmo delle cose, l'atterraggio del lavoro durante questa sessione straordinaria potrebbe compromettere la funzionalità di questa grande istituzione del Paese".

Sulla permanenza del Capo dello Stato nell'est del paese, "Fine insicurezza: Tshisekedi fornisce istruzioni chiare", titolo THE FUTURE. Durante la permanenza a Goma, capitale della provincia del Nord Kivu, il capo dello stato ha presieduto ieri un incontro sulla sicurezza in cui ha dato istruzioni chiare per porre sempre più fine alla precarietà. in crescita a Goma e Beni. Un avvertimento è stato rilasciato agli attori politici che mantengono i gruppi armati, ha detto il giornale.

A questo proposito, titolo LA PROSPERITE: "Il presidente Felix Tshisekedi conferisce con i deputati del Nord Kivu a Goma". Il nostro collega che trasmette l'AGENCY CONGOLESE PRESS, riferisce che "Il Presidente della Repubblica ha avvertito i funzionari eletti che non ci sarà alcuna immunità contro chi verrà citato in collaborazione con gruppi armati, in particolare l'impunità ha spesso messo in catene la parte orientale della RDC.

«Felix Tshisekedi determinato a porre fine alla precarietà in Beni e Butembo», titola FORUM DES AS che sostiene che "questo incontro sulla sicurezza faceva parte dell'estensione della riunione dell'Alto Consiglio della Difesa tenutasi pochi giorni prima a Lubumbashi", ricordando inoltre che "Durante la sua campagna elettorale, Felix Tshisekedi aveva fatto del ritorno della pace nell'est della Repubblica Democratica del Congo una delle sue priorità. Un desiderio che ha ribadito alla cerimonia di presentazione del programma di emergenza dei suoi primi giorni 100 al timone del paese.

In un altro articolo su questo soggiorno del Capo dello Stato in Oriente intitolato: « La visita del Capo dello Stato a Beni ha confermato oggi »AS FORUM riporta che la visita del presidente Félix-Antoine Tshisekedi a Beni, nella provincia del Nord Kivu, è confermata per martedì, aprile 16, quando era originariamente prevista per lunedì X aprile.

A Goma, scrive il quotidiano, il capo dello stato si è incontrato ieri con il vice rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite incaricato delle operazioni, David Gressley. Quest'ultimo ha detto, dopo il suo incontro con il presidente, che il governo congolese e il monusco desiderano trovare "definitivamente" una soluzione alla minaccia delle forze democratiche alleate (ADF).

Per quanto riguarda la decisione di rinviare l'elezione del Governatore di Sankuru, "La cacofonia", secondo THE POTENTIAL.

Dice nell'articolo che porta questo titolo che "la provincia di Sankuru sta bollendo". L'elezione del governatore e vice-governatore della provincia si è trasformata in una saga politico-legale in cui la CENI cerca di imporre la sua legge contro la volontà sia del Consiglio di Stato che dei deputati provinciali.

Restando a Goma, continua LE POTENTIEL, il capo dello stato, Felix Tshisekedi, chiede al Ceni di rinviare questa elezione. Ma, per non parlare di Lambert Mende Omalanga, l'unico candidato per l'elezione del governatore e il presidente della Ceni che ha giurato di andare fino alla fine della loro logica, ignorando tutte le restrizioni della legge. È cacofonia.

"Elezione a Sankuru: Fatshi" fetta "". Questo è il titolo che propone per lui FORUM DES AS per evocare la tensione che segue il margine dell'elezione del Governatore a Sankuru.

Dopo la tensione che prevalse a Lusambo, e più in generale a Sankuru durante l'elezione dei governatori provinciali, gli scambi inutili tra il Consiglio di Stato e il Consiglio Superiore della Magistratura, la posizione intrattabile del CENI sull'elezione del governatore e del vice-governatore, ha deciso il capo dello stato, dice questo giornale.

Come il garante del buon funzionamento delle istituzioni, il presidente Fatshi ha appena deciso di rinviare il voto sine die del voto inizialmente programmato ieri, lunedì 12 aprile, per ragioni di sicurezza, secondo FORUM DES AS, citando il vice primo ministro ad interim responsabile dell'Interno e della Sicurezza che "il magistrato supremo, che soggiornava a Goma, nel Nord Kivu, giudica la situazione" estremamente grave "in questa provincia".

Boni Tsala / MMC


(BT / Sì)

Questo articolo è apparso per primo CONGO DIGITALE