Algeria: Bensalah aveva il diritto di nominare Kamel Feniche come capo del Consiglio costituzionale? - YoungAfrica.com

Poche ore dopo le dimissioni di Tayeb Belaiz dalla presidenza del Consiglio costituzionale, Abdelkader Bensalah ha nominato Sage Kamel Feniche per sostituirlo. Il capo dello stato provvisorio ha avuto il potere di farlo? Elementi di risposta.

È l'articolo 81 dei regolamenti interni del Consiglio costituzionale che regola la questione delle dimissioni del presidente dei "Saggi" algerini. Afferma che "in caso di morte o di dimissioni del presidente del Consiglio costituzionale, il Consiglio si riunisce sotto la presidenza del vicepresidente e ne prende atto. (...) Il Presidente della Repubblica viene immediatamente informato. "

Questa immediata informazione del Presidente della Repubblica deriva dal fatto che spetta a quest'ultimo, in base all'articolo 183 della Costituzione, nominare il Presidente del Consiglio costituzionale.


>>> LEGGI - Algeria: dimissioni di Tayeb Belaiz, presidente di Consiglio costituzionale


L'annuncio presidenziale della nomina di un nuovo presidente del corpo suggerisce che i Saggi si sono nuovamente incontrati in seguito alle dimissioni di Tayeb Belaiz, da lungo tempo sostenitore dell'ex presidente Bouteflika la cui partenza era stata richiesta per diverse settimane dalla strada. In serata, l'agenzia di stampa ufficiale APS lo ha confermato Capo di stato facente funzione Abdelkader Bensalah, ha nominato Kamel Feniche, membro del Consiglio di amministrazione dal 2016, in sostituzione di Belaïz a capo del procedimento.

Presidente facente funzione = Capo dello Stato?

Tuttavia, questa decisione ha scatenato un dibattito tra i giuristi, alcuni dei quali ritenevano che la nomina di un presidente del Consiglio non fosse appannaggio di un presidente ad interim. Per sostenere le loro affermazioni, hanno invocato l'articolo 104 della Costituzione, che inquadra le prerogative del Capo di Stato provvisorio.

Tuttavia, l'articolo 104 in questione non si riferisce in alcun modo a una limitazione del potere di nomina per il caso del presidente del Consiglio costituzionale. Se proibisce durante la fase provvisoria di ricorrere al referendum, al rimpasto del governo, alla legislazione mediante ordinanza o allo scioglimento delle due camere, non menziona alcunché riguardante la presidenza del Consiglio costituzionale.

Nell'articolo 84, la legge fondamentale utilizza i termini "Presidente della Repubblica" e "Capo dello Stato" come sinonimi

Inoltre, l'articolo 92 della norma suprema, i cui poteri non sono specificamente definiti o limitati nel caso di un presidente ad interim, stabilisce che il presidente della Repubblica nomina "i posti di lavoro e i mandati previsti dalla Costituzione". In questo caso, la nomina di un presidente del Consiglio costituzionale è prevista ed esplicitamente menzionata dall'articolo 183 della Costituzione.

Alcuni osservatori hanno avvertito, tuttavia, che la Costituzione fa riferimento al termine "capo dello stato" per designare il presidente ad interim e il presidente della repubblica al presidente eletto. Questa differenza terminologica giustifica in questo caso il fatto che Bensalah non abbia il diritto di nominare un presidente del Consiglio costituzionale. Ma nel suo articolo 84, la Legge fondamentale usa i termini "Presidente della Repubblica" e "Capo dello Stato" come sinonimi: "Il Presidente della Repubblica, Capo dello Stato, incarna l'unità del Nazione ".

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA