La Cina manda adolescenti nel deserto per simulare la vita su Marte - BGR

Marte è un luogo per lo più secco, polveroso e sterile. La Terra, il nostro grande marmo blu-verde su un pianeta, ha alcuni posti come questo, che lo rende perfetto per studiare come gli umani potrebbero colonizzare il pianeta rosso. Diverse organizzazioni scientifiche lo stanno facendo e la Cina è una di queste.

Nel deserto del Gobi, la Cina ha costruito quella che chiama "Mars Base 1", una colonia marziana simulata in cui i giovani studenti possono gustare. della vita su un altro pianeta senza nemmeno lasciare il loro paese d'origine.

Comme AFP rapporti la base era un investimento costoso. Costruito da una società chiamata C-Space, il suo budget di costruzione era appena sotto 7,5 milioni e il fatto che fosse costruito a circa 25 miglia dalla città più vicina era una sfida.

Il risultato finale, tuttavia, sembra valere la pena perché la base sembra incredibile. Si tratta di una replica perfetta di una base di Marte come si può immaginare, con una camera di equilibrio, una zona di controllo centrale e persino una grande serra a forma di cupola che probabilmente sarebbe un elemento essenziale di qualsiasi colonia marziana nel mondo reale. 19659002] Attualmente, l'installazione viene utilizzata a scopo didattico. Gli studenti sono invitati a visitare la base ed esplorare il paesaggio circostante, indossando modelli in costume. Risolvono problemi e imparano tutto sulla vita su un altro pianeta attraverso l'esperienza pratica.

In futuro, C-Space vorrebbe aprire la base ad altri, compresi i turisti che vogliono sperimentare la vita su Marte. Apparentemente la società prevede di creare un hotel e un ristorante per continuare a pagare clienti ben nutriti e felici quando non si imbarcano in avventure da un altro mondo. ! funzione (f, b, e, v, n, t, s)
{if (f.fbq) return; n = f.fbq = function () {n.callMethod? n.callMethod.apply (n, argomenti): n.queue.push (argomenti)};
if (! f._fbq) f._fbq = n; n.push = n; n.loaded =! 0; n.version = '2.0';
n.queue = []; t = b.createElement (e); t.async =! 0;
t.src = v; s = b.getElementsByTagName (e) [0];
s.parentNode.insertBefore (t, s)} (finestra, documento, 'script',
'Https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');
fbq ('init', '2048158068807929');
fbq ('traccia', 'ViewContent');

Questo articolo è apparso per primo (in inglese) su BGR