Cinema: quando Israele prende gli schermi - JeuneAfrique.com

Sinonimi © Distribuzione SBS

Nonostante l'intimidazione del Ministro della Cultura, il fondo pubblico israeliano per il cinema continua a finanziare film (molto) critici nei confronti dello stato ebraico.

"Un artista a volte deve mordere la mano che gli dà da mangiare", ha detto Nadal Lapid in una recente intervista. Questo regista, vincitore dell'Orso d'oro alla Berlinale per il suo film Sinonimi, è in totale disaccordo con il Ministero della Cultura israeliano, e in particolare con il ministro di estrema destra che lo dirige. Eppure, tutti i suoi film sono stati finanziati in parte dallo Israeli Film Fund, che finora è riuscito a resistere alla pressione del governo, anche se dipende dai finanziamenti pubblici.

Ora sei connesso al tuo account Jeune Afrique, ma non sei abbonato a Jeune Afrique Digital

Questo articolo è solo abbonati


Abbonati da 7,99 €per accedere a tutti gli oggetti in un numero illimitato

Sei già un abbonato?

Hai bisogno di aiuto

I tuoi abbonati benefici

  1. 1. Accesso illimitato a tutti gli articoli sul sito e all'applicazione Jeuneafrique.com (iOs e Android)
  2. 2. Ricevi un'anteprima, 24 ore prima della pubblicazione, di ogni numero e fuori serie Jeune Afrique sull'app Jeune Afrique The Magazine (iOS e Android)
  3. 3. Ricevi la newsletter di risparmio giornaliero per gli abbonati
  4. 4. Goditi 2 anni di archivi Young Africa in edizione digitale
  5. 5. Abbonamento senza impegno di durata con l'offerta mensile tacitamente rinnovabile*

*Servizio disponibile solo per le iscrizioni aperte.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA