È ragionevole? Una chiesa brucia i libri di Harry Potter perché vanno contro la parola di Dio

La magia è una pratica rinunciata al cristianesimo, così come le sette e la stregoneria. Tuttavia, siamo lontani dal tempo in cui le persone accusate venivano bruciate sul rogo o lapidate a morte.

Oggi viviamo in un'era di comprensione, perdono, scoperta e conoscenza. Eppure, uno chiesa situato in Polonia sembra ancora attaccato alla pratica del palo, anche se le vittime umane sono state sostituite questa volta da libri. I libri di Harry Potter, per la precisione.

Harry Potter è una serie di fantastici romanzi che ha catturato l'immaginazione di milioni di lettori. Una fondazione evangelica chiamata 'SMS of the Heavens' ha pubblicato immagini che mostrano alcuni dei loro sacerdoti che bruciano libri della saga di Harry Potter nella città di Danzica. Queste foto sono state poi pubblicate sulla pagina Facebook del gruppo.

È ragionevole? Una chiesa brucia i libri di Harry Potter perché vanno contro la parola di Dio© Harry Potter e il calice di fuoco (2005) / Warner Bros. Entertainment Inc.

La SMS Heaven Foundation ha sede a Koszalin, nella Polonia nord-occidentale. Come una leggenda, i suoi membri hanno città brani degli Atti della Bibbia:

E un certo numero di coloro che avevano esercitato le arti magiche, avendo portato i loro libri, li bruciò davanti a tutti, il valore era stimato in cinquantamila pezzi d'argento.

Molti cristiani hanno criticato questo messaggio, sostenendo che i libri di Harry Potter sono principalmente destinati ai bambini e parlano di cose importanti come la necessità di combattere il male o le pratiche di "buona magia".

La diocesi cattolica della regione ha preso le distanze da questo evento "sfortunato", ma i suoi rappresentanti hanno spiegato che, anche se non sono d'accordo con i libri in fiamme, c'è un preoccupante aumento dell'occultismo in Polonia. e magia nera.

È ragionevole? Una chiesa brucia i libri di Harry Potter perché vanno contro la parola di DioPazargic Liviu / Shutterstock.com

Va anche sottolineato che la Chiesa cattolica non ha sanzionato questa azione. Cominciò con la chiamata di un prete che aveva chiesto al suo gregge di portare tutti gli oggetti che associavano alla stregoneria e all'occultismo per bruciarli.

Le persone e le associazioni hanno ovviamente il diritto di avere le proprie credenze, ma è davvero necessaria la distruzione di oggetti personali o culturali per loro conto?

Questo articolo è apparso per primo FABIOSA.FR