Algeria: FLN combatte per la sopravvivenza all'ombra della protesta popolare - JeuneAfrique.com

Riunione del FLN alla Cupola di 5-luglio, ad Algeri, 30 March 2016. © Louiza Ammi

Mentre il suo congresso straordinario è stato posticipato a tempo indeterminato, il Fronte di liberazione nazionale (FLN) è tormentato da serie divisioni e respinto dai manifestanti. Due campi si oppongono: uno favorevole al coordinatore generale Mouad Bouchareb, l'altro chiede l'elezione di una nuova direzione. Analisi.

Questo giovedì 18 di aprile, alcuni media hanno annunciato le dimissioni di Mouad Bouchareb della direzione del FLN, prima che il partito ufficialmente licenzi, respingendo "sine die" lo straordinario congresso che si sarebbe tenuto alla fine di aprile. "Le condizioni attuali non consentono il mantenimento", ha detto il portavoce Hocine Khaldoun.

E per una buona ragione: sulla scia di le dimissioni del presidente della Repubblica Abdelaziz Bouteflika, martedì 2 aprile, il vecchio partito sembra aver perso la cerchia del favorito dei decisori. "Il partito sta attualmente combattendo per la sua sopravvivenza, essendo servito come leva politica e ideologica per il sistema che ha governato da quando 1962", riassume un ex ministro del FLN.

Ora sei connesso al tuo account Jeune Afrique, ma non sei abbonato a Jeune Afrique Digital

Questo articolo è solo abbonati


Abbonati da 7,99 €per accedere a tutti gli oggetti in un numero illimitato

Sei già un abbonato?

Hai bisogno di aiuto

I tuoi abbonati benefici

  1. 1. Accesso illimitato a tutti gli articoli sul sito e all'applicazione Jeuneafrique.com (iOs e Android)
  2. 2. Ricevi un'anteprima, 24 ore prima della pubblicazione, di ogni numero e fuori serie Jeune Afrique sull'app Jeune Afrique The Magazine (iOS e Android)
  3. 3. Ricevi la newsletter di risparmio giornaliero per gli abbonati
  4. 4. Goditi 2 anni di archivi Young Africa in edizione digitale
  5. 5. Abbonamento senza impegno di durata con l'offerta mensile tacitamente rinnovabile*

*Servizio disponibile solo per le iscrizioni aperte.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA