Arresti di oppositori e crisi anglofona in Camerun: il Parlamento europeo alza il tiro - JeuneAfrique.com

Attacchi ai diritti umani, gestione della crisi anglofona, violenze della polizia, arresti arbitrari ... Il Parlamento europeo ha adottato giovedì una risoluzione molto critica nei confronti delle autorità del Camerun.

Il Parlamento europeo ha adottato giovedì una risoluzione che denuncia la situazione politica in Camerun, dopo circa trenta minuti di dibattito, durante i quali i membri delle varie commissioni che hanno partecipato alla stesura del testo in questione hanno parlato del caso del Camerun.

"Le minacce alla sicurezza [in Camerun] pesano anche sulla libertà di espressione. L'arresto del principale avversario in risposta alle proteste dopo l'elezione di 2018, è solo l'ultimo incidente ", ha lanciato giovedì, l'eurodeputato britannico (conservatore) Charles Tannock. "Maurice Kamto è in detenzione per ribellione e ha minato la sicurezza dello stato in un paese partner nella lotta contro il terrorismo di Boko Haram; che ci fa preoccupare per gli abusi derivanti dalla legislazione anti-terrorismo di 2014 ", ha aggiunto.


>>> LEGGI - Avversari incarcerati in Camerun: Yaoundé rivela la sua linea di difesa a livello internazionale


Un'opinione contraria a quella espressa dal deputato francese del Fronte nazionale Dominique Bilde, che ha condannato quello che considera un tentativo di "ingerenza" degli Stati membri dell'UE. "La lotta contro il terrorismo, il Camerun, l'avrà portata oltre i propri confini. E nonostante la difficile situazione interna, è stata a lungo casa di migliaia di rifugiati nigeriani in fuga dalla barbarie islamista. Queste sono le imprese delle armi del Camerun, distanti anni luce dal ritratto al vetriolo che alcune persone ritengono sia buono da spazzolare ", dice.

"Reazione sproporzionata"

Maurice Kamto, nel suo quartier generale della campagna, l'8 di ottobre a Yaounde. © REUTERS / Zohra Bensemra

Il testo è stato certamente modificato, ma la risoluzione adottata non risparmia Yaoundé. La proposta delle commissioni chiede esplicitamente all'Unione europea e ai suoi Stati membri di "garantire che nessun aiuto concesso alle autorità del Camerun può contribuire o facilitare le violazioni dei diritti umani" è quindi scomparso dal testo finalmente adottato.

Ma si parla "la modifica della Costituzione del 2008" che ha permesso Paul Biya di rappresentare e vincere le elezioni macchiato da frodi 'così come' arresti arbitrari "di attivisti e alleati MRC Maurice Kamto . Un'interpellanza condannata dalla Commissione, che deplora anche la mancanza di rispetto per i diritti del leader dell'MRC e dei suoi co-poteri.

"Dalle elezioni dello scorso ottobre, abbiamo notato che ci sono tensioni nel paese, specialmente nelle regioni di lingua inglese, nonché un declino dei diritti politici. I prigionieri politici che devono affrontare pesanti pene detentive, una proibizione de facto di manifestazioni pubbliche, sapendo che tutto ciò non è conforme alla Costituzione sono ora la vita quotidiana di questo paese ", ha commentato l'Alto eletto. rappresentante dell'Unione Europea, Federica Mogherini.


>>> LEGGI - Crisi inglese in Camerun: perché i leader separatisti boicottano il processo


Secondo la risoluzione, l'organizzazione dei processi nei tribunali militari denota una "reazione sproporzionata" che ha provocato l'aggravarsi dei disordini politici nel paese. Il Parlamento invita il governo camerunese a porre fine a "molestie e intimidazioni nei confronti di attivisti politici", tra cui la revoca del divieto di manifestazioni politiche e manifestazioni pacifiche.

"Violenza contro la comunità di lingua inglese"

Mercato Buea © Bmnda, CC, wikimedia Commons

Il testo menziona anche la crisi anglofona che imperversa da 2016. La risoluzione sottolinea la violenza che affliggono le due regioni separatiste, tra cui "le uccisioni da parte di gruppi armati e omicidi extragiudiziali da parte delle forze dello Stato, tra cui soldati camerunesi, gendarmi e membri del Battaglione di intervento rapido ". Abusi per i quali il testo richiede "un'inchiesta indipendente".


>>> LEGGI - Crisi anglofone in Camerun: a Loum, "mangiare è una sfida quotidiana" per gli sfollati


"Il Parlamento deplora la riluttanza di entrambe le parti in conflitto a partecipare a colloqui di pace; esorta l'Unione africana e la Comunità economica degli Stati dell'Africa centrale a lavorare per convincere il Camerun a tenere tali colloqui; (...) ritiene che in assenza di progressi a questo livello, la crisi in Camerun dovrebbe essere portata all'attenzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ", si legge nella risoluzione.

Le istituzioni europee seguono da vicino la situazione politica del Camerun. 5 lo scorso marzo, l'Alto rappresentante dell'UE, Federica Mogherini, ha denunciato il "crescente malessere politico" in Camerun. Questo giovedì, i deputati hanno in effetti alzato il tono.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA