"I giubbotti gialli" si stanno preparando per l'ultimatum di 2

Una grande dimostrazione di "giubbotti gialli" è in programma questo sabato 20 di aprile 2019 in Francia. L'atto 23, ribattezzato "2 ultimatum", deve essere la continuazione logica del "1 ultimatum 16" che ha portato a una violenta dimostrazione sugli Champs-Elysees. Il ristorante di Le Fouquet è stato saccheggiato e decine di manifestanti sono rimasti feriti.

Dopo una settimana frenetica, tutti i "giubbotti gialli" lo dicono, il raduno di questo sabato deve dare un nuovo impulso al movimento. Per diverse settimane, ci sono sempre meno persone alle dimostrazioni. Molti hanno abbandonato le assemblee generali. Alcuni sono logorati da cinque mesi di lotta, altri ancora disillusi dalla lenta strutturazione del movimento.

Questo sabato 20 aprile deve essere una sorta di rimbalzo di primavera. Tranne che nel frattempo, c'era il fuoco di Notre-Dame. E Emmanuel Macron, che doveva annunciare misure, ha cancellato il suo discorso.

Diversi incontri programmati

Secondo i "giubbotti gialli" che abbiamo contattato, questo fuoco " non cambiare nulla ". Tenderebbe anche a motivarli di più. Sui social network, sono molto contrari alle promesse fatte dai miliardari Bernard Arnault e François-Henri Pinault, tra gli altri, per ricostruire la cattedrale. ' Tutto ad un tratto dopo l'incendio, i soldi arrivano da ogni parte Michel, un "gilet giallo" della Val-de-Marne (regione di Parigi).

« Siamo a un miliardo di euro; perché tutti si stanno svegliando ora? Significa che ci sono soldi. Ma chi lo tiene? È meglio mettere in atto una migliore distribuzione della ricchezza in Francia. Mi esaspera e penso tutto "Giubbotti gialli" ragionerò come me e che sabato saremo sul marciapiede Dice.

Come ogni fine settimana, sono previsti diversi raduni. A Parigi è prevista una parata attorno a Notre-Dame per " onorare l'eredità della gente ". Un altro è in programma sugli Champs-Élysées. I "giubbotti gialli" vogliono soprattutto fare pressione su Emmanuel Macron e ricordargli che il fuoco non cambia la loro lotta.

Misure divulgate nella stampa

È ancora un momento speciale, perché i "giubbotti gialli" sembrano confusi e sono sempre più divisi, mentre il governo è lento a fare le conclusioni del grande dibattito nazionale. ' C'è un discorso che si riversa nel pathos dei nostri leader, mentre possiamo benissimo parlare della Madonna in un modo più intelligente "detto Juan Branco, avvocato di diversi "giubbotti gialli" iconici.

Lui stesso sostiene il movimento, Juan Branco ritiene che non sia necessario lasciatevi assorbire da questo discorso lacerante che richiede un aumento di unità nazionale e solidarietà e che non parliamo più delle reali questioni politiche '.

Le misure che Emmanuel Macron avrebbe annunciato sarebbero state ancora divulgate dalla stampa. Su questi annunci, i "giubbotti gialli" contattati sono unanimi: " Non sono all'altezza. '" Penso che ci siano molti annunci sulla facciata "Dice Beatrice Turpin," gilet giallo "accanto a Parigi.

Quali poteri sulla strada?

« Se volessero veramente più giustizia fiscale, E aggiunge, tasserebbero di più gli azionisti e farebbero di più per alleviare la pressione sui lavoratori. Il combattimento è ancora lì, perché sono solo scoop. »

Le dimostrazioni continueranno quindi. Quali poteri avranno? Nessuno è in grado di conoscerlo in anticipo. In ogni caso, ci sono molti nella speranza di "un giubbotto giallo" per un raduno di massa questo sabato 20 di aprile, e specialmente all'1er il prossimo maggio, per il Labor Day.

Articolo Fonte: http://www.rfi.fr/france/20190419-Yellow-slopes-ultimatum-2-manifestations-20-avril-paris-macron