L'ex presidente peruviano Alan Garcia, l'ultima vittima del caso Odebrecht

L'ex capo di stato Alan Garcia si è suicidato mercoledì 17 di aprile a casa sua mentre la polizia è venuta ad arrestarlo. In Perù, è stato il quarto presidente preso di mira dalla giustizia nello scandalo di corruzione di Odebrecht.

È 6 h 30 mattina, mercoledì 17 aprile, quando una squadra di poliziotti arriva a casa di Alan Garcia per metterlo in custodia. L'ex presidente di 69, sospettato di corruzione, gode del permesso di chiamare il suo avvocato per ritirarsi nella sua stanza. " Pochi minuti dopo, un colpo fu sparato e [la polizia] lo trovò seduto con una ferita alla testa "Ha detto il ministro degli Interni Carlos Moran. Trasportato in un ospedale di Lima, questo padre di sei persone morì sul tavolo operatorio.

Alan García, presidente del Perù per due volte, di 1985 a 1990, 2006 a 2011 poi, era sotto inchiesta per presunti reati di corruzione e riciclaggio di denaro in relazione con la costruzione gigante brasiliano, lavori pubblici (costruzione) Odebrecht.

Odebrecht, una corruzione su scala continentale

L'ex leader non è affatto la prima vittima del caso Odebrecht. Da dicembre 2015, data in cui scoppia lo scandalo, la sola menzione di questo nome sta scuotendo molti leader latinoamericani.

Il caso inizia quando diversi dirigenti del gruppo ammettono alla giustizia avendo finanziato campagne tra 2001 e 2016 in cambio di ottenere lucrosi contratti di appalti pubblici. Brasile, Argentina, Colombia, Ecuador, Messico, ma anche Angola e Mozambico ... In tutto, 788 milioni di dollari (697 milioni di euro) sarebbero stati pagati in dodici paesi dell'America Latina e dell'Africa.

fonte: https: //www.la-croix.com/Monde/Ameriques/Lex-president-peruvien-Alan-Garcia-derniere-victime-laffaire-Odebrecht-2019-04-18-1201016654