Camerun: Brouillard tra lo Stato del Camerun e la compagnia francese di armamenti Sisco International

Le informazioni provengono dal quotidiano Kalara in edicola questo martedì 23 APRILE 2019. Secondo il giornale, l'ordine era stato convalidato da Remy Ze Meka, allora ministro della Difesa. Al suo arrivo a capo del ministero, Edgar Alain Mebe Ngo'o ha denunciato questo mercato.

Armi (c) Tutti i diritti riservati

Il giornale si riferisce alle udienze tenute a Tribunale amministrativo di Yaoundé dove la società Sisco International portava il caso.

«In effetti, Sisco International sostiene che, in seguito alla cosiddetta esecuzione "perfetta" di un contratto speciale, ha ottenuto un addendum a novembre 2008, relativo alla fornitura di un carico di 3 milioni di cartucce di munizioni e munizioni. assalto. L'ordine è valutato a 8 miliardi di FCFA. Solo a dispetto degli accordi con alti funzionari dello Stato e il coinvolgimento di Signor Ze MekaIl ministro della Difesa in carica all'epoca, il suo successore Mr. Mebe Ngo'o, respingerà i termini dell'accordo e negherà la realtà del mercato litigato ", riporta il giornale nella sua edizione di questo 23 2019 di aprile.

Un mercato infelice non verrà mai eseguito. Il fornitore di armi tenterà una risoluzione pacifica in 2014, invano perché, lo Stato del Camerun ha ritenuto che le affermazioni non derivino da un contratto amministrativo. Questo contratto è sospettato di essere inesistente. Per convincere la giustizia, Sisco International produce numerose corrispondenze emesse da alti funzionari camerunensi.

La prima data di 3 November 2008 e firmato il capo di stato maggiore del Presidente della Repubblica.

Nel suo contenuto, la lettera riflette l'accordo a Paul Biya per la firma dell'emendamento menzionato. La seconda corrispondenza è un messaggio della Presidenza inviato al Ministro delle Finanze (MINFI) per formalizzare questo emendamento. MINFI è invitato a rilasciare 8 miliardi di FCFA per l'esecuzione di questo mercato.

Sulla base di tutti questi elementi, l'azienda francese spera di essere risarcita alla fine del processo, fino a 11,5 milioni di FCFA. "Quando c'è un accordo di volontà, c'è necessariamente un contratto, il contratto è considerato acquisito", discutere Io Abdoul Bagui, uno dei consigli di Sisco International.

All'ultima udienza dell'16 April 2019, il gruppo di giudici ha deciso di svuotare la stanza. Sono rimaste solo le parti che hanno preso parte al processo. I nostri confratelli di Kalara affermano a questo proposito che la corte si è resa conto che le rivelazioni fatte dall'una e dall'altra potevano gettare uno stigma sulle istituzioni della Repubblica. È quindi a porte chiuse che ora si tiene il processo.

fonte: https://www.lebledparle.com/company/1107423-cameroon-brouise-between-the-commerce-and-the-society-francaise-arming-sisco-international