Il gruppo ISIS rivendica attacchi in Sri Lanka

Il gruppo jihadista Stato Islamico (IS) ha rivendicato martedì 29 aprile 23, gli attacchi alla minoranza cristiana che ha fatto più vittime di 320 la domenica di Pasqua in Sri Lanka.

« Gli autori degli attacchi rivolti ai cittadini dei paesi della Coalizione [Anti-EI] e i cristiani nello Sri Lanka sono combattenti IS , Ha annunciato il gruppo jihadista via la sua agenzia di propaganda Amaq. Questi attentati suicidi in tre hotel di lusso e tre chiese in alta massa hanno causato la carneficina la domenica di Pasqua.

Da parte loro, le autorità attribuiscono il bagno di sangue al cittadino islamista locale Thowheeth Jama'ath (NTJ), che non ha reclamato, e se ha ricevuto supporto logistico internazionale. Questi attacchi sono tra gli attacchi più mortali contro i civili da 11 settembre 2001.

Per Zachary Abuza, professore al National War College di Washington, specialista in gruppi jihadisti nel Sud-Est asiatico intervistati dall'AFP, il National Thowheeth Jama'ath (NTJ), sottolineato dal governo dello Sri Lanka, " non ha motivazioni locali. Vogliono essere parte dell'insurrezione globale dello Stato islamico '.

Secondo Rohan Gunaratna, esperto di gruppi estremisti nel sud-est asiatico presso la Scuola di studi internazionali di S. Rajaratnam di Singapore, anch'essa intervistata dall'AFP, il legame tra le due organizzazioni è ancora più importante: le persone radicalizzate dal National Thowheeth Jama'ath hanno aderito all'IS, ma non a tutti. Ora stanno conducendo operazioni IS in Sri Lanka, con collegamenti al gruppo dello Stato Islamico in Siria '.

Delle " représailles Contro l'attacco di Christchurch

I primi elementi dell'indagine mostrano anche che questi attacchi sono stati effettuati per rappresaglia la carneficina delle moschee di Christchurch in Nuova Zelanda e in connessione con un gruppo islamico indiano poco conosciuto, il vice ministro della Difesa dello Sri Lanka Ruwan Wijewardene ha detto martedì.

► Da leggere anche : Siria : I jihadisti nel gruppo EI moltiplicano gli attacchi mortali

La marcia 15, un attacco ha reso 50 morto in due moschee nella grande città del sud della Nuova Zelanda. Il " califfato "Autoproclamato in 2014 dall'IS in vasti territori conquistati in Siria e in Iraq, è crollato a marzo dopo diverse offensive. Eppure, il gruppo jihadista continua a rivendicare attacchi anche in questi due paesi che altrove nel mondo. ' Quello che abbiamo visto in Sri Lanka è l'apertura di un nuovo fronte nell'insurrezione jihadista globale Zachary Abuza conclude.

Fonte dell'articolo: http://www.rfi.fr/asie-pacifique/20190423-etat-islamique-revendique-attentats-sri-lanka