Paul Biya invita i camerunesi ad essere veri patrioti

Decisamente, al presidente Paul Biya piacciono i social network, ieri sul suo account Twitter e Facebook, il capo dello stato ha emesso un messaggio pieno di saggezza.

"Abbiamo una sola patria: è nostro dovere difenderlo e guidarlo, tutti insieme sul sentiero della grandezza e della prosperità per tutti", ha reso noto il Capo dello Stato. è consuetudine situare un testo secondo il suo contesto senza omettere i paratesti. Quindi, questo post di Paul Biya non è insignificante, perché interviene alla vigilia della celebrazione del Labor Day e della festa dell'unità: in questo momento, il Capo dello Stato invita i Camerunensi a essere veri patrioti in altre parole per ricordare i sacrifici fatti dagli eroi dell'indipendenza che hanno donato il loro sangue, il loro sudore e le loro anime per la nostra indipendenza, perché non è superfluo ricordare che il Camerun è l'unico paese dell'Africa nera ad ottenere l'indipendenza dopo una guerra contro il colono francese.Un altro elemento di fatto da non sottovalutare, gli attacchi a tutto campo della comunità internazionale contro il nostro paese per quanto riguarda il periodo post-elettorale e la crisi anglofona. Il Camerun è fortemente criticato, gli ultimi in data sono quelli del Parlamento europeo che osserva che il governo camerunense non sta facendo abbastanza per risolvere queste crisi. Detto questo, possiamo essere sottomessi attraverso questa pubblicazione, Paul Biya invita i Camerunesi a difendere la nazione e non gli assassini. Car per lui, è dopo una combinazione di sforzi che il Camerun si sposterà sui binari grandezza e prosperità. Tuttavia, nei commenti, alcuni utenti della rete non erano teneri verso il Capo dello Stato, gli hanno chiesto di combattere efficacemente contro la corruzione, di rilasciare gli avversari in ambasciata a Kondengui, altri sono andati oltre nel i critici chiedendogli di dimettersi.

Questo articolo è apparso per primo http://www.ocameroun.info/56799-paul-biya-invite-les-camerounais-a-etre-des-vrais-patriotes.html